Il Lavoro sul trauma in età evolutiva e età adulti

TRAUMA SERIES

MASTERCLASS

PROGRAMMA COMPLETO

La Masterclass Trauma Series è un insieme di eventi formativi specialistici dedicati al lavoro sul trauma in età evolutiva e adulta. Racchiude i contributi di professionisti nazionali e internazionali sul tema del Trauma.

Verranno trattati i seguenti temi:  il trauma in infanzia e adolescenza, il trauma complesso, la trasmissione intergenerazionale del trauma.

Ciascun docente affronterà un particolare aspetto attraverso una formazione approfondita del tema specifico.

8 docenti internazionali esperti sul trauma
66 ore di formazione (in aggiornamento)
Accesso alle dirette su Zoom
Accesso alle registrazioni per 12 mesi sulla tua area riservata
50 ECM per il triennio 2020-2022 (senza necessità di partecipare alle dirette)


PROGRAMMA (in aggiornamento)
 

KRISTINE KINNIBURGH | Il trauma nell'infanzia. Come sostenere i caregiver (8 ore) - on demand

JOY SILBERG | La valutazione e il trattamento della dissociazione in bambini e adolescenti traumatizzati (16 ore) - on demand

JULIAN FORD | PTSD Complesso. Gestire il paziente nelle sedute di psicoterapia (8 ore) - on demand

FRAN WATERS | L'anello mancante nel trauma complesso. Interventi per il trattamento della dissociazione in infanzia e adolescenza (8 ore) - on demand

CRISTINA CORTES VINIEGRA | La trascuratezza precoce. Una prospettiva dal trauma preverbale (8 ore) - on demand

HELENE DELLUCCI | Interrompere la trasmissione del trauma intergenerazionale (8 ore) - on demand

MASSIMO CUZZOLARO | Eventi traumatici, alimentazione e peso corporeo (8 ore) - on demand

IN VIA DI DEFINIZIONE | Psicoterapia espressivo corporea per il Trauma Complesso (9 ore)
Da riprogrammare

Programma
Modulo
1
IL TRAUMA NELL'INFANZIA. COME SOSTENERE I CAREGIVER

Seminario I | Comprensione del trauma complesso e l’impatto generazionale sui caregiver: l'importanza di affrontare la regolazione emotiva del caregiver

  • Panoramica sul trauma complesso e l'impatto sullo sviluppo
  • Il ruolo della modulazione del caregiver nel sostenere i bambini che hanno subito un trauma
  • Una spiegazione della regolazione e della disregolazione: zone di comfort e di sicurezza
  • Normalizzazione e convalida dell'esperienza del caregiver
  • Sostenere i caregiver nell'identificare i "pulsanti” giusti, o le interazioni/situazioni impegnative con il proprio bambino
  • Comprendere il ciclo del trauma
  • Sostenere la modulazione del caregiver: l'automonitoraggio e gli strumenti a disposizione del caregiver

Seminario II | Sostenere la sintonizzazione del caregiver con l'impatto del trauma, e promuovere l'impegno nel trovare risposte efficaci alle reazioni al trauma/comportamenti di sopravvivenza

  • Cos'è la sintonizzazione
  • Aiutare i caregiver a capire i bisogni che guidano il comportamento traumatico.
  • Sostenere i caregiver nel diventare "detective" ed osservatori di indizi relativi all'esperienza del bambino.
  • Risposte efficaci ai comportamenti guidati dal trauma.
  • Soddisfare il bisogno
  • Sostenere la regolazione
  • Collaborare con i caregiver per selezionare le strategie di supporto comportamentale
Martedì 29 Marzo, h. 15 - 19
Giovedì 31 Marzo, h. 15 - 19
-
Docente
Kristine M. Kinniburgh
Durata Modulo
52h 00m
Modulo
2
LA VALUTAZIONE E IL TRATTAMENTO DELLA DISSOCIAZIONE IN BAMBINI E ADOLESCENTI TRAUMATIZZATI

Questa presentazione, divisa in quattro sessioni, fornirà una comprensione dello sviluppo della dissociazione e descriverà come i primi sintomi del trauma e della dissociazione si manifestano nei bambini e negli adolescenti.

La prima sezione si focalizzerà sulla teoria e fornirà un'introduzione alla teoria dell'evitamento degli affetti della dissociazione. Il secondo argomento sarà come valutare la dissociazione infantile e adolescenziale usando strumenti esistenti e le interviste. Nella terza sezione verrà presentato un modello di trattamento che si muove logicamente attraverso l'educazione sui sintomi del trauma, l'insegnamento della regolazione degli affetti e la padronanza dei ricordi traumatici. Nella quarta sessione verranno presentati i disegni e gli scritti dei bambini che possono aiutare ad illustrare il loro senso d’identità compromesso. Il contenuto didattico verrà arricchito da casi clinici e video. Il relatore introdurrà metodi di comunicazione efficaci anche con i bambini piccoli, che li aiuteranno a capire gli effetti del trauma e come usare le loro abilità per superare gli effetti disabilitanti delle loro esperienze.

Nella sezione finale del corso i partecipanti avranno l'opportunità di confrontarsi su questioni complesse e di fare delle domande sui casi. Sarà inclusa anche una discussione sugli effetti dello sfruttamento commerciale online dei bambini e su come lavorare con le famiglie per ricostruire l'attaccamento dopo un trauma.

Lunedì 11 Aprile, h. 15 - 19
Martedì 12 Aprile, h. 15 - 19
Mercoledì 4 Maggio, h. 15 - 19
Giovedì 5 Maggio, h. 15 - 19
-
Docente
Joyanna Silberg
Durata Modulo
4h 00m
Modulo
3
PTSD COMPLESSO. GESTIRE IL PAZIENTE NELLE SEDUTE DI PSICOTERAPIA

Le crisi si verificano frequentemente nella vita delle persone che hanno vissuto un trauma complesso. Quando una crisi si verifica in una sessione di terapia, il terapeuta affronta sia una sfida che un'opportunità che può alterare il corso della terapia e della vita del paziente.

In questo corso verranno mostrati filmati come esempi di situazioni di crisi nella sessione di terapia per illustrare i principi chiave e le tattiche per preservare la sicurezza e ripristinare la co-regolazione e l'autoregolazione del cliente. Anche il controtransfert del terapeuta, il trauma vicario e l'autoregolazione saranno considerati un punto chiave.

Sarà presentato un approccio trans-teorico che integra la gestione della crisi, la costruzione dell'alleanza terapeutica e l'elaborazione della memoria del trauma. Le crisi e le risposte del terapeuta includeranno:

  • • Dissociazione da parte di una madre, un figlio e una figlia 
  • Disturbo dissociativo dell'identità di un giovane uomo 
  • Autolesionismo dissociativo da parte di una giovane donna 
  • Rabbia diretta da un padre verso suo figlio 
  • Una giovane madre sopraffatta dalla disperazione

Saranno discussi anche i casi dei partecipanti per dimostrare come l'applicazione di un quadro complesso del trauma attraverso i principi e le tattiche di risoluzione delle crisi nella sessione.

Mercoledì 27 Aprile, h. 15 - 19
Mercoledì 28 Aprile, h. 15 - 19
-
Docente
Julian Ford
Durata Modulo
27h 00m
Modulo
4
L'ANELLO MANCANTE NEL TRAUMA COMPLESSO. INTERVENTI PER IL TRATTAMENTO DELLA DISSOCIAZIONE IN INFANZIA E ADOLESCENZA

I bambini con traumi complessi spesso si presentano con una varietà di sintomi difficili da inquadrare, e di conseguenza ricevono multiple diagnosi, cocktail di farmaci e diversi tipi di trattamento con efficacia sporadicaSpesso questi bambini sperimentano ripetuti affidamenti, adozioni e ricoveri inefficaci. Con ogni collocazione fallita o trattamento sbagliato, il bambino traumatizzato sente sempre più sconforto nell’essere incompreso. Tuttavia, l’anello mancante per un trattamento di successo con i bambini del trauma complesso è la mancanza di riconoscimento dei sintomi dissociativi che hanno un profondo impatto sul loro umore, comportamento, identità, cognizione, memoria, sensazioni e attaccamenti.

Nella prima parte di questo corso verrà illustrato un modello completo di valutazione e trattamento, la Star Theoretical Model for Assessing & Treating Children with Dissociation (F. S. Waters) che comprende 5 teorie: Attaccamento, Sviluppo, Sistemi Familiari, Neurobiologia e Dissociazione. Attraverso questo modello saranno presentati i sintomi fondamentali della dissociazione e come discernere i sintomi dissociativi da quelli più comunemente associati ad altre diagnosi (tra cui ADHD, disregolazione dell'umore, disturbi dell'attaccamento) per fare delle diagnosi accurate. Verranno descritte le checklist sulla dissociazione, tra cui la checklist recentemente sviluppata degli indicatori di trauma e dissociazione nei giovani, CIT-DY (F. S. Waters, 2020), che è uno strumento di valutazione che raccoglie informazioni riguardanti la storia degli interventi, i trattamenti, gli eventi traumatici e i sintomi dissociativi. L'approccio del trattamento diviso in fasi introduce i principi del trattamento e una descrizione della Fase 1, la stabilizzazione, che comprende compiti specifici per abbattere le barriere amnestiche dei bambini dissociativi, aiutarli a conoscere i loro stati di sé, sviluppare la cooperazione interna tra di loro, lavorare insieme e gestire i loro affetti disturbati. Numerosi esempi di casi clinici e video mostreranno metodi efficaci per aiutare i bambini dissociativi a rivelare la loro vita interna e iniziare a raggiungere la stabilizzazione.

La seconda parte del corso continuerà ad illustrare le strategie di stabilizzazione, e descriverà la Fase 2 (Elaborazione del trauma) e la Fase 3 (Integrazione) che utilizzano una varietà di tecniche specializzate progettate per risolvere le esperienze traumatiche. Sia nella Parte 1 che nella Parte 2, saranno presentati numerosi esempi di come lavorare con giovani dissociati di varie età (dalla scuola materna agli adolescenti) che sperimentano una varietà di sintomi, per esempio aggressività, encopresi, disturbi sensoriali, disturbi dell'attaccamento, ecc. Moltissime tecniche terapeutiche creative, compreso il disegno, illustreranno il processo di trattamento e dimostreranno come comunicare efficacemente e trattare con sicurezza i giovani dissociati che li aiuta ad esprimere il loro mondo interno e a guarire con successo.

Mercoledì 18 Maggio, h. 15 - 19
Giovedì 19 Maggio, h. 15 - 19
-
Docente
Fran Waters
Durata Modulo
28h 00m
Modulo
5
LA TRASCURATEZZA PRECOCE. UNA PROSPETTIVA DAL TRAUMA PREVERBALE

Lo sviluppo sano è interrotto quando l’individuo non viene esposto ad affetto continuo fin dalla nascita. La mancanza di sicurezza pervade tutto lo sviluppo. Realizzare questa esperienza nel contesto terapeutico dovrebbe essere il primo obiettivo. Per fare ciò, impareremo a riconoscere, nella fase di valutazione, i sintomi del trauma precoce della negligenza e come questo influenza lo sviluppo. Ci concentreremo sull'importanza della fase di stabilizzazione e consolidamento, e su come colmare le lacune nella maturazione e nella sicurezza di attaccamento.

Proporremo un doppio intervento in parallelo, da un lato con il bambino e dall'altro con la famiglia o con chi si prende cura di lui. Vedremo l'importanza della psico-educazione per la famiglia, fornendo informazioni su come il trauma da negligenza influenza lo sviluppo dei loro figli, aiutandoli a capire perché i bambini si comportano in una certa maniera. Questo è essenziale per poter riflettere adeguatamente sui primi stati emotivi che non sono stati seguiti o dedotti da nessuno. Da qui vedremo l'importanza di creare una narrazione coerente che sia ascoltata da tutto il nucleo familiare.

Raccoglieremo le difficoltà presentate da questi bambini e/o adolescenti durante le diverse fasi della loro maturità. Capiremo come ci sono fasi di maturazione che ristagnano, che ostacolano il loro sviluppo e influenzano il loro comportamento nel presente. Solo se il nucleo familiare riesce a capire questi ostacoli sarà possibile spingere e incoraggiare lo sviluppo di tutti gli stati emotivi. Vedremo come da una prospettiva EMDR possiamo aiutare a integrare i diversi stati e come arricchire le relazioni familiari. Useremo casi clinici per aiutare la comprensione e concettualizzazione di questo intervento per bambini con trauma da negligenza precoce.

Mercoledì 25 Maggio, h. 15 - 19
Mercoledì 25 Maggio, h. 15 - 19
-
Docente
Cristina Cortes Viniegra
Durata Modulo
28h 00m
Modulo
6
INTERROMPERE LA TRASMISSIONE DEL TRAUMA INTERGENERAZIONALE

Oggi la trasmissione transgenerazionale del trauma è riconosciuta. Le persone che non hanno vissuto eventi avversi sentono comunque le ferite di ciò che è successo come se il trauma fosse accaduto a loro. Mostrano segni di trauma e dissociazione, e l’attaccamento nelle generazioni successive è interrotto o intrappolato in comportamenti non costruttivi. Allo stesso tempo, riescono a parlare di eventi accaduti a genitori e nonni in modo distaccato, parlando di mancanza di comunicazione in famiglia, segreti, drammi e catastrofi a ripetizione.

Come possono affrontare una tale sofferenza trasmessa? Quali sono i sintomi specifici del trauma transgenerazionale? Com’è meglio trovare obiettivi appropriati per rielaborare? È possibile liberarsi di quelle strane esperienze che la persona non ha vissuto? Come è possibile mantenere l'efficacia delle procedure di terapia mentre si affronta questo tipo di trauma? Come si può concettualizzare il trauma transgenerazionale in un piano di trattamento? Queste domande verranno affrontate nel corso e proporrò (a partire da questa concettualizzazione) diversi interventi che si sono dimostrati efficaci nella terapia del trauma attraverso esempi clinici.

Gli obiettivi di apprendimento di questo corso saranno:

  • Comprendere i sintomi del trauma transgenerazionale
  • Concettualizzare e valutare il trauma transgenerazionale attraverso il genogramma e la risposta corporea
  • Imparare gli strumenti ispirati dall'EMDR per trattare il trauma da relazione senza essere sopraffatti
Giovedì 1 Settembre 2022, h. 15 - 19
Venerdì 2 Settembre 2022, h. 15 - 19
-
Docente
Helene Dellucci
Durata Modulo
28h 00m
Modulo
7
EVENTI TRAUMATICI, ALIMENTAZIONE E PESO CORPOREO

L’intervento è dedicato al rapporto fra eventi traumatici, condotte alimentari, patologie dell’alimentazione e obesità. Saranno discussi i punti deboli e forti delle classificazioni diagnostiche correnti (DSM-5-TR e ICD-11) e i principali dati epidemiologici. Saranno esaminati punti focali: genetica ed epigenetica, valutazione e trattamento, fattori di rischio e di protezione, stigma dell’obesità, manifestazioni cliniche in rapporto a sesso e genere, temperamento, carattere, personalità.

Venerdì 30 Settembre, h. 9.00 - 13.00

- usi e debolezze delle classificazioni diagnostiche correnti (DSM-5-TR e ICD-11)
- dati epidemiologici
- comorbilità trasversale e longitudinale
- disturbo postraumatico da stress, alimentazione e peso corporeo.
- stress e trauma
- fattori associati, fattori di rischio fissi e variabili, fattori causali
- trauma, temperamento, carattere e personalità
- epigenetica e resilienza
- il ruolo del trauma nei modelli etiopatogetici per i disturbi dell’alimentazione
- trauma infantile età del menarca e rischio psicopatologico

Sabato 1 Ottobre, h. 9.00 - 13.00

- trauma, dissociazione e disturbi dell’alimentazione
- trauma infantile, distanza, contatto
- il ruolo del trauma nei modelli etiopatogetici per l’obesità
- obesità: stigma sociale e internalizzazione dello stigma
- trauma, food addiction, binge eating disorder
- digiuno intermittente, time-restricted eating e stress
- trauma infantile e resistenza al trattamento nei disturbi dell’alimentazione
- trauma infantile e resistenza al trattamento nell’obesità
- psicofarmaci e modelli di psicoterapia
- EMDR (eye-movement desensitization and reprocessing) nei disturbi
dell’alimentazione e nell’obesità.

Docente
Massimo Cuzzolaro
Modulo
8
L'ARTETERAPIA NEL LAVORO SUL TRAUMA

Dopo un breve excursus sulla storia dello sviluppo dell’arteterapia negli Stati Uniti e nel Regno Unito, andremo a vedere come essa si sia è sviluppato dal trauma e per il trauma attraverso quattro personaggi chiave in quattro paesi diversi, dal 1940 fino ad oggi : Friedl Dicker-Brandeis (Austria), Donald Winnicott (Regno Unito), Arthur Robbins (Stati Uniti), Mimma Della Cagnoletta (Italia). Attraverso queste figure storiche, esploreremo alcuni strumenti chiave alla base dell’arteterapia psicodinamica: il valore dell’atto trasformativo e creativo dì per sé nel contenimento del trauma (Dicker-Brandeis); il ruolo della creatività nello sviluppo del sé e la gioia di vivere (Winnicott);  il valore sensoriale, psicofisico e simbolico dei diversi materiali artistici (Robbins); le diverse modalità del processo creativo e il loro ruolo nel rendere l’arteterapia psicodinamica uno strumento, di per sé, distinto dall’uso di arte ‘come terapia’ (Della Cagnoletta). La presentazione sarà arricchita da vignette cliniche esplicative.

Sabato 3 Dicembre, h. 15.00 - 19.00

Proseguiremo con un ripasso sui diversi modi di definire e categorizzare il trauma, sia dal mondo della psicodinamica, che dal mondo di Somatic Experiencing. Questo ci permetterà di riassumere le diverse tecniche, protocolli e approcci che esistano nell’ampio mondo dell’arteterapia per trattare il trauma e i fenomeni a esso connessi. Presenterò una vignetta clinica, quale esempio di come la rabbia provocata, dalla propria impotenza davanti ad un evento traumatico, possa essere esternata per poi trasformarla. Vi sarà quindi una parte dedicata ad un’esplorazione approfondita della tecnica del LOM® (Terapia pittorica orientata alla soluzione), sviluppatasi da Bettina Egger e Jörg Merz (Svizzera): tecnica mirata alla trasformazione dell’impatto di un evento specifico traumatico sul sistema nervoso. Presenterò la ricerca di Egger, le radici e lo sviluppo della sua tecnica; la ricerca empirica ha dimostrato la sua validità e le spiegazioni neuroscientifiche attestano la sua efficacia.

Sabato 10 Dicembre, h. 15.00 - 19.00

Nella seconda giornata inizieremo con una breve spiegazione dell’arteterapia sensorimotoria, insieme alla storia e il suo sviluppo grazie a Cornelia Elbrecht (Germania e Australia), Cathy Malchiodi (Usa) e Heinz Deuser (il campo d’argilla, Germania). Indaghiamo le differenze principali fra la percezione tattile e quella ottica: distinzione che costituisce la base delle tecniche di arteterapia sensorimotoria. L’arteterapeuta farà una dimostrazione dal vivo del lavoro con il campo d’argilla e condividerà alcuni esempi clinici. Andremo poi a esplorare il disegno bilaterale, la sua utilità e applicazione, anch’essa arricchita da esempi clinici. Esploreremo inoltre una cornice teorica dal Somatic Experiencing, che ha contribuito allo sviluppo dell’arteterapia sensorimotoria, e vedremo come può aiutare a capire la sua efficacia.

Infine esploreremo, da diversi punti di vista, il dilemma di impotenza (helplessness) che il trauma ci costringe a riconoscere. Come si può affrontare una situazione dove il trauma e/o le conseguenze di esso sono ancora presenti e/o attivi nella vita della persona? Ci sono tanti fattori esterni al setting sui quali non abbiamo nessun controllo. Si dice che il trauma non può essere elaborato affinché è in atto. Ma che lavoro è possibile fare, allora? Nel caso di trauma medico, ciò che provoca il trauma corporeo può essere proprio l’intervento necessario per salvare la vita della persona. Vedremo quindi come l’arteterapia può essere utile in queste circostanze. Esploreremo anche esempi clinici di trauma medico, di trauma relazionale, e trauma collettivo. Vedremo inoltre l’importante contributo che l’arteterapia ha portato con il lavoro di gruppo, e come essa possa essere particolarmente importante nei casi di trauma collettivo e sociale: persone appartenenti a identità di minoranza (razziali, religiose, di orientamento sessuale o altro) dove serve proprio una prospettiva sociale volta a curare ciò che è stata provocato dalla società stessa. Indagheremo come si può portare nella stanza di arteterapia un nuovo approccio al potere: una relazione di alleanza reciproca, come lo definisce Amber Gray.

Docente
Rebecca Rivkah Hetherington
Docenti
Cathy Malchiodi
Psicoterapeuta
Cathy Malchiodi, PhD, LPCC, REAT, è psicologa e terapista delle arti espressive specializzata nel trattamento dello stress traumatico da oltre tre decenni. È direttrice esecutiva dell'Istituto per le pratiche traumatologiche e la terapia delle arti espressive, è autrice di 20 libri, 50 tra capitoli… continua
Kristine M. Kinniburgh
Psicoterapeuta
Kristine Kinniburgh, LCSW, è assistente sociale clinica con una specializzazione nel campo dello stress traumatico. Attualmente è direttrice dei servizi per il trauma per JRI Connecticut, direttrice del progetto Building Resilience through Residential Communities, formatrice e consulente nazionale… continua
Joyanna Silberg
Psicoterapeuta
Joyanna Silberg, Ph.D. è stata consulente per il trauma infantile e adolescenziale presso lo Sheppard Pratt Health System di Baltimora (Maryland) fino al 2019. Attualmente è presidente del Leadership Council on Child Abuse & Interpersonal Violence. La sua pratica di psicoterapia si concentra… continua
Julian Ford
Docente Universitario
Julian D. Ford, Ph.D., A.B.P.P. è uno psicologo clinico certificato e professore di psichiatria e di legge all'università di Connecticut in cui dirige due centri Trattamento e Adattamento dei Servizi nella rete nazionale dello stress traumatico del bambino: il Centro per il Recupero del Trauma e la… continua
Fran Waters
Psicoterapeuta
Frances S. Waters, DCSW, LMSW, LMFT, è formatrice, consulente e terapeuta riconosciuta a livello internazionale nel campo del trauma infantile, abuso e dissociazione, ed ha svolto il ruolo di relatrice in 5 continenti. La signora Waters è autrice di Healing the Fractured Child: Diagnosing and… continua
Cristina Cortes Viniegra
Psicoterapeuta
Psicologa e psicoterapeuta. Co-direttrice del Centro di Psicologia Vitaliza (Pamplona, Spagna), che è un centro sanitario privato specializzato in trauma, attaccamento e psicologia infantile. Collabora con le istituzioni di adozione e affidamento e con i vari dipartimenti di uguaglianza e famiglia… continua
Helene Dellucci
Psicoterapeuta
Helene Dellucci, PhD è psicologa, terapeuta, formatrice EMDR Europa per adulti e consulente per bambini e adolescenti. Lavora a Ginevra, Svizzera, in uno studio privato con clienti con traumi complessi e le loro famiglie. Insegna sul trauma complesso e EMDR in tutta Europa e presso l'Università… continua
Massimo Cuzzolaro
Psichiatra
Nato a Roma il 10 marzo 1946. Medico, psichiatra e psicoterapeuta ha insegnato psichiatria e psicologia clinica e diretto un centro per i disturbi dell’alimentazione e l’obesità presso l’Università di Roma Sapienza. Nel 1991 è stato tra i fondatori della Società Italiana per lo Studio dei Disturbi… continua
Iscrivendoti potrai
Vedere o rivedere l'evento in differita quando vorrai: rimarrà sulla tua area riservata per 12 mesi
Scaricare l'attestato di partecipazione

ISCRIZIONI

Registrati al Corso On Demand per 437,00 € 50 crediti ECM
per tutte le professioni sanitarie
La scadenza per ottenere gli ECM relativi a questo corso è il: 31 Dic 2022
Corso acquistabile entro il: 15 Dic 2022
Inoltre avrai accesso a:
Attestato di partecipazione
Attestato ECM
Tutte le professioni sanitarie
Test a risposta multipla
5 tentativi possibili

COSA ACQUISTI

Formazione specifica sul trauma di 66 ore 

Accesso alle dirette su Zoom

Accesso alle registrazioni per 12 mesi

Traduzione simultanea garantita

50 ECM per il triennio 2020 - 2022 (senza necessità di partecipare alle dirette)

Ti serve aiuto?

Troverai le registrazioni dei seminari entro pochi giorni nella tua area riservata.
Le registrazioni sono disponibili per 12 mesi.
Gli interventi in lingua straniera saranno disponibili sia in lingua originale, sia con la traduzione montata.

Il test ecm sarà disponibile dalla fine del corso fino alla data di scadenza indicata nella tua area riservata.
Dopo tale data non sarà più possibile ottenere gli ecm.

Bisogna sempre fare riferimento alla data di scadenza del test ECM per calcolare le tempistiche di accreditamento (e NON alla data in cui è stato superato il test). La data di scadenza di un test ECM può essere verificata accedendo alla sua area riservata, sotto la voce "Scadenza acquisizione ECM" di fianco al titolo del corso.
Entro 90 giorni a partire da questa data comunicheremo i dati dei partecipanti al provider, che poi provvederà ad inviarli ad Agenas. I crediti saranno successivamente acquisiti da Cogeaps e varranno per il triennio 2020-2022.

Dunque, consideri queste tempistiche per capire quando potrà vedere i suoi crediti caricati all’interno della sua pagina di Cogeaps.

In ogni caso, se ha scaricato l'attestato di acquisizione ECM del suddetto corso, vale come certificazione dei crediti acquisiti.

I pagamenti tramite bonifico richiedono innanzitutto l’invio della distinta di avvenuto pagamento alla casella mail assistenza@psicologia.io.

Il corso richiede qualche giorno  lavorativo per essere correttamente caricato all’interno della sua area riservata, il tempo necessario per procedere con la verifica dell’effettiva ricezione del pagamento.

Trova tutte le registrazioni e i materiali che i docenti mettono a disposizione sulla sua area riservata.

Per trovare la sua area riservata, acceda al sito www.psicologia.io. In alto a destra vedrà il suo nome: clicchi su I miei corsi --> Vai al corso accanto al titolo del corso desiderato.
Le registrazioni saranno disponibili per 12 mesi.

In caso di corso ECM, sulla stessa area, troverà anche il questionario ECM.

Per i corsi:
Trova il test  ECM per uno specifico corso nella propria area riservata al sito www.psicologia.io  (nome in alto a destra –> I miei corsi -> Vai al corso e inserire per ogni  modulo la spunta di autocertificazione ECM --> scorrere fino al tasto Accedi al test ECM).

Per i libri:
Trova il test ECM per uno specifico libro nella propria area riservata al sito www.psicologia.io  (nome in alto a destra –> I miei corsi --> Vai al libro --> scorrere fino al tasto Accedi al test ECM).

Sia per corsi sia per libri:
sono disponibili 5 tentativi e fino alla scadenza indicata per la compilazione.

Vi sarà anche un questionario di valutazione da compilare.
Una volta completato, potrà scaricare direttamente dal sito il suo attestato ECM.

La comunicazione ad Agenas verrà effettuata entro i 90 giorni successivi alla data di scadenza del corso (indicata all’interno dell’area riservata, sotto la dicitura “Scadenza acquisizione ECM”).