promozione
30 posti disponibili in promozione

Dall’identificazione precoce all’età adulta. L’Autismo tra sfide e opportunità.

Meeting Internazionale Online

 

con la referenza scientifica di
COSTANZA COLOMBI

 

Il convegno presenta 3 giornate sui Disturbi dello Spettro Autistico lungo l’arco di vita, dall’identificazione precoce, all’infanzia e adolescenza, fino all’età adulta. Verranno presentate le evidenze scientifiche aggiornate in merito alla valutazione psicologica e al trattamento terapeutico e farmacologico grazie alla presenza di un panel di esperti e ricercatori nazionali e internazionali. Verranno descritti gli interventi basati sull'evidenza e gli approcci innovativi nella diagnosi, nel trattamento e nel supporto all'Autismo. I relatori presenteranno i loro contributi nel campo delle neuroscienze, della valutazione, dell’educazione inclusiva, delle strategie di comunicazione e pianificazione nella transizione all’età adulta. Sarà approfondito il ruolo dei fattori emotivi del paziente e del caregiver, le criticità nelle procedure di valutazione cliniche e diagnostiche. 

Il modello teorico di riferimento sarà quello bio-psico-sociale secondo i diversi aspetti che accomunano o differenziano i modelli di gestione dei Disturbi dello Spettro Autistico nei diversi Paesi del mondo, con l’obiettivo di creare uno spazio di aperto confronto tra relatori e partecipanti. 

È prevista la traduzione simultanea in lingua italiana per tutta la durata dell'evento.

 

IL CONVEGNO INTERNAZIONALE E' UTILE PER:

  • approfondire le evidenze scientifiche attuali nel panorama mondiale  sulla valutazione e il trattamento del disturbo dello spettro autistico lungo l’arco di vita;
  • confrontare i profili neuropsicologici all’interno di diverse prospettive riguardanti i correlati eziopatogenetici, gli algoritmi decisionali, gli strumenti per la diagnosi differenziale e l’identificazione precoce e tardiva, gli interventi in chiave multimodale e l’outcome in età adulta;
  • analizzare le ricadute nel contesto sociale, familiare e scolastico;
  • confrontare le diverse prospettive con la guida di un panel di esperti e ricercatori che provengono da diversi paesi del mondo.  

 

 

PROGRAMMA

 

Modulo 1 
 

Identificazione precoce

Costanza Colombi, "Apertura del convegno e introduzione generale alla prima giornata"

Filippo Muratori, “Primi passi nell'autismo: identificazione e diagnosi precoce"

Andrea Bonifacio e Giovanna Gison, "Intervento PACT (PAEDIATRIC AUTISM COMMUNICATION THERAPY)"

Giovanni Valeri, "Stato dell'arte nell'intervento precoce"

Jonathan Green, “Intervento di comunicazione sociale mediato dai genitori per la neurodiversità e l'autismo precoci (PACT e iBASIS); risultati a lungo termine, meccanismo e assistenza integrata”

Aubyn Stahmer, "Sostenere l'implementazione di strategie per i genitori nei programmi comunitari di intervento precoce"

 

Modulo 2

 
Infanzia e adolescenza

Costanza Colombi, "Apertura del convegno e introduzione generale alla seconda giornata"

Leonardo Zoccante, “Storia naturale del Disturbo dello Spettro Autistico e percorsi diagnostici”

Antonio Narzisi, "Diagnosi e trattamento dei disturbi dello spettro autistico in adolescenza”  

Stefano Berloffa, “Farmacoterapia nei pazienti con disturbo dello spettro autistico"

Arianna Bentenuto "Il ruolo del padre nell’intervento di bambini autistici in fase prescolare"

Maurizio Arduino, "La transizione dall’età evolutiva all’età adulta e la costruzione del progetto di vita"

 

Modulo 3

 

Età adulta

Costanza Colombi, "Apertura del convegno e introduzione generale alla terza giornata"

Giulia Giovagnoli, "Sostegno all' affettività e alla sessualità nel percorso di vita della persona con disturbo dello spettro autistico”

Antonella Gagliano, “Autismo e disturbi psicotici in corso di transizione” 

Marco De Caris, "La gestione delle più diffuse problematiche comportamentali negli adulti e costruzione di nuove abilità"

Sam Goldstein, "Comprendere e valutare il disturbo dello spettro autistico con le Autism Spectrum Rating Scales (ASRS)"

Ettore Caterino, "Autismo e Musica: dall’individualità alla costruzione del gruppo"

Chiusura dei lavori
 

 

DESTINATARI

L'evento è rivolto a tutti i professionisti del sistema sanitario nazionale e internazionale.

 

STRUTTURA E DURATA

30 ore di formazione fruibili in diretta o tramite e registrazioni in differita esclusivamente online.

 

ECM

Il corso rilascia 45 ECM.

Programma
Modulo
1
Apertura del convegno e introduzione generale alla prima giornata
-
Docente
Costanza Colombi
Durata Modulo
0h 30m
Modulo
2
Primi passi nell'autismo: identificazione e diagnosi precoce

L'autismo precoce si presenta come un disturbo dinamico della prima infanzia, caratterizzato da un'interruzione dell'organizzazione motoria e sensoriale, che porta allo sviluppo di uno stile di comunicazione sociale atipico, rendendo il bambino incomprensibile agli altri. Saranno esaminate alcune caratteristiche fondamentali dell'autismo precoce come:
1) attenzione preferenziale per gli oggetti rispetto alle persone, che influenza lo sviluppo dell'intersoggettività del bambino e apre la
strada agli interessi ristretti; 

2) ridotta variabilità motoria che si traduce in un aumento dei movimenti ripetitivi delle mani e delle dita,
ostacolandone l'uso per la comunicazione e per la manipolazione; 

3)modificazione dello stile di interazione genitore-bambino come segno precoce e potenziale modificatore della formazione atipica del mondo interpersonale del bambino autistico.

-
Docente
Filippo Muratori
Durata Modulo
1h 30m
Modulo
3
Intervento PACT (PAEDIATRIC AUTISM COMMUNICATION THERAPY)
-
Docente
Andrea Bonifacio
Giovanna Gison
Durata Modulo
2h 00m
Modulo
4
Stato dell'arte nell'intervento precoce
-
Docente
Giovanni Valeri
Durata Modulo
2h 00m
Modulo
5
Intervento di comunicazione sociale mediato dai genitori per la neurodiversità e l'autismo precoci (PACT e iBASIS); risultati a lungo termine, meccanismo e assistenza integrata

In questo intervento il professore tratterà la teoria, l'etica e la pratica di un percorso di intervento precoce integrato per l'autismo e la neurodiversità. Si parlerà del movimento per la neurodiversità e dell'etica dell'assistenza sanitaria, dei concetti e delle evidenze dei modelli di intervento precoce iBASIS e PACT e di come questi possano essere combinati in un percorso di assistenza precoce integrato e basato su evidenze scientifiche per i servizi sanitari.

-
Docente
Jonathan Green
Durata Modulo
2h 00m
Modulo
6
Sostenere l'implementazione di strategie per i genitori nei programmi comunitari di intervento precoce

Gli interventi precoci mediati dai caregiver hanno dimostrato risultati positivi per il bambino e la famiglia per i bambini piccoli con autismo o con alta probabilità di averlo.  Inoltre, vi è consenso sul fatto che un intervento precoce efficace comprende strategie basate su prove di efficacia che combinano le scienze comportamentali e dello sviluppo e includono una componente di coaching per i caregiver, per garantire la somministrazione nell'ambiente naturale del bambino.  Tuttavia, molti operatori che lavorano con i bambini con autismo e le loro famiglie nelle comunità hanno un accesso limitato alla formazione sugli interventi comportamentali naturalistici per lo sviluppo (NDBI), o non hanno imparato a collaborare con i genitori a guidarli nell'uso di strategie basate sulle evidenze. Inoltre, molti sistemi comunitari non sono predisposti per supportare l'uso di nuove innovazioni nell'intervento precoce. Recenti ricerche hanno identificato gli elementi chiave delle strategie di intervento precoce basate sull'evidenza, le strategie per sostenere il coaching e il coinvolgimento dei caregiver e le strategie per aiutare i leader a sostenere l'uso di queste nuove pratiche. Questa presentazione condividerà le strategie per sostenere l'uso di strategie basate sull'evidenza nei sistemi comunitari, discuterà le strategie comuni tra gli interventi basati sulle migliori pratiche ed esaminerà i passi per strategie di coaching efficaci. Verranno forniti esempi di progetti multipli in sistemi diversi.

-
Docente
Aubyn Stahmer
Durata Modulo
2h 00m
Modulo
7
Apertura del convegno e introduzione generale alla seconda giornata
-
Docente
Costanza Colombi
Durata Modulo
0h 30m
Modulo
8
Storia naturale del Disturbo dello Spettro Autistico e percorsi diagnostici
-
Docente
Leonardo Zoccante
Durata Modulo
1h 30m
Modulo
9
Diagnosi e trattamento dei disturbi dello spettro autistico in adolescenza
-
Docente
Antonio Narzisi
Durata Modulo
2h 00m
Modulo
10
Farmacoterapia nei pazienti con Disturbo dello Spettro autistico
-
Docente
Stefano Berloffa
Durata Modulo
2h 00m
Modulo
11
Il ruolo del padre nell’intervento di bambini autistici in fase prescolare

La letteratura psicologica ha tradizionalmente focalizzato il suo interesse sul ruolo della madre nello sviluppo cognitivo e relazionale del bambino, Venuti e Bornstein, 2013; Hodapp, 2002; Venuti et al, 2008). Tuttavia, recenti ricerche hanno messo in luce l'importanza del coinvolgimento paterno nello sviluppo dei bambini, sia quelli con uno sviluppo tipico che con disturbo dello spettro autistico, (Venuti et al. 2009; Zavattini 2015, Flippin &Crais, 2011,Rankin et al., 2019 Hirschler-Guttenberg et al., 2016).   Nonostante ciò, pochi studi hanno focalizzato la loro attenzione sugli aspetti interattivi specifici della relazione padre-figlio nell'ambito del disturbo dello spettro autistico (Perzolli et al., 2021). Ricerche recenti sull'coinvolgimento paterno durante il trattamento hanno evidenziato benefici per gli esiti dei bambini (Flippin et al.,2011; Elfert et al.,2015). Nel corso della presentazione, verranno illustrati vari studi che si sono concentrati sull'analisi di specifiche dimensioni dell'interazione padre-bambino, come la qualità affettiva dello scambio, le abilità di gioco e le caratteristiche del linguaggio utilizzato dal padre con il bambino. Saranno presentati anche dati preliminari relativi ai cambiamenti in alcune dinamiche interattive dopo un intervento che coinvolge direttamente il genitore. I risultati di queste ricerche, mettendo in luce similitudini e differenze nelle modalità interattive tra madri e padri, offrono implicazioni cliniche significative. Comprendere la natura delle interazioni genitore-figlio consente l'implementazione di strategie di intervento più efficaci, adattate sia alle caratteristiche comportamentali dei bambini che alle specifiche dinamiche della relazione padre-figlio. Tali risultati potrebbero inoltre fornire nuove prospettive considerando i comportamenti paterni specifici che richiedono attenzione negli interventi che coinvolgono i padri nei contesti di trattamento.

-
Docente
Arianna Bentenuto
Durata Modulo
2h 00m
Modulo
12
La transizione dall’età evolutiva all’età adulta e la costruzione del progetto di vita

All’interno dei percorsi diagnostici terapeutici e assistenziali (PDTA) per il Disturbo dello spettro dell’autismo (ASD), la fase di transizione dall’età evolutiva all’età adulta presenta molteplici criticità, legate sia al delicato momento del ciclo di vita della persona con autismo e della sua famiglia, sia al tipo di organizzazione dei Servizi. Si rende pertanto necessario delineare a livello operativo sia i criteri per la costruzione di un progetto di vita individualizzato, sia la modalità di collaborazione tra gli specialisti dell’età evolutiva che hanno in carico il paziente e quelli che garantiranno la continuità in età adulta, nella direzione di quanto previsto dalla normativa vigente e, in particolare, dalle leggi 328/2000 e 134/2015. Per fare questo è necessario innanzitutto indicare quali sono le principali problematiche presenti in adolescenza nel caso delle persone con ASD, distinguendo tra “alto” e “basso” funzionamento ma avendo sempre presente che, al di là di queste definizioni, è essenziale considerare la singola persona e il suo contesto di vita. In secondo luogo, va definito in che modo la rete dei servizi e la rete sociale possono contribuire alla realizzazione del progetto di vita della persona, che costruito sulla base delle sue preferenze, dei suoi punti di forza e delle risorse del contesto, in collaborazione con i suoi famigliari. Verrà presentato in modo specifico un PDTA per la fase di transizione e un modello organizzativo, attuato all’interno dell’ASL CN1 di Cuneo, basato su quello sperimentato all’interno del Progetto Ev.A.: dall’Età Evolutiva all’età adulta, un progetto nazionale finanziato dall’Istituto Superiore di Sanità con fondi del Ministero della Salute.

-
Docente
Maurizio Arduino
Durata Modulo
2h 00m
Modulo
13
Apertura del convegno e introduzione generale alla terza giornata
-
Docente
Costanza Colombi
Durata Modulo
0h 30m
Modulo
14
Sostegno all' affettività e alla sessualità nel percorso di vita della persona con disturbo dello spettro autistico

La persona con Disturbo dello Spettro autistico (ASD) spesso necessita di una presa in carico globale che lo accompagni fino all’età adulta. Tuttavia, alcuni ambiti della vita della persona autistica, quali l’affettività e la sessualità, sono raramente oggetto di attenzione da parte delle strutture assistenziali. Infatti, le difficoltà socio-relazionali tipiche del disturbo dello spettro autistico determinano frequentemente la falsa credenza che le persone con ASD non abbiano interesse ad instaurare relazioni affettive e sessuali. Inoltre, i comportamenti sessuali osservati vengono spesso erroneamente interpretati come stereotipati o problematici. Al contrario, la letteratura scientifica è concorde nel ritenere che le persone autistiche provano il desiderio di intraprendere relazioni affettive ed intime con un partner e, ugualmente, spesso sperimentano la sessualità sia individualmente che nella coppia. Tuttavia, è stato dimostrato che gli adolescenti con ASD presentano delle forti carenze nelle conoscenze in ambito sessuale rispetto ai controlli di pari età. Inoltre, spesso le caratteristiche core dell’autismo favoriscono la manifestazione di comportamenti disfunzionali in ambito affettivo e sessuale come masturbazione in luoghi pubblici o comportamenti di stalking e aumentano il rischio di abuso. Per tale motivo, spesso il tema della sessualità viene vissuto unicamente come problematico dalle famiglie e dagli operatori e affrontato quando si manifestano comportamenti disfunzionali difficili da gestire. Pertanto, la letteratura scientifica sottolinea la necessità di interventi precoci di tipo psicoeducativo sui temi dell’affettività e della sessualità in soggetti affetti da ASD. La precocità dell’intervento, adeguato all’età, risulta fondamentale per sostenere lo sviluppo dell’affettività e della sessualità prevenendo la comparsa di comportamenti disfunzionali.
A tal proposito, nella mia esperienza clinica e di ricerca è stato proposto un training psicoeducativo strutturato in piccolo gruppo focalizzato sui temi dell’affettività e della sessualità attraverso strategie cognitivo-comportamentali (role playing, homework, lavoro su pensieri ed emozioni) rivolto ad adolescenti e giovani adulti (dai 12 ai 18 anni). I partecipanti hanno effettuato una valutazione pre e post training per valutare eventuali cambiamenti. Al termine del training i partecipanti hanno mostrato un miglior livello di educazione sessuale rispetto alla fase precedente. In conclusione, la partecipazione ad un training psicoeducativo può migliorare le conoscenze in ambito affettivo-sessuale prevenendo la manifestazione di comportamenti disfunzionali e condizioni di abuso e promuovendo un sano sviluppo psico-sessuale.

-
Docente
Giulia Giovagnoli
Durata Modulo
1h 30m
Modulo
15
Autismo e disturbi psicotici in corso di transizione

I sintomi psicotici (allucinazioni, delirio, disorganizzazione del pensiero e del comportamento) rappresentano una via finale comune di molti disturbi, inclusa la schizofrenia, e rappresentano indicatori non specifici di malattia mentale severa (Rutter & Taylor, Child and Adolescent Psychiatry IV ed., 2002). La diagnosi aggiuntiva di Schizofrenia può essere posta in caso di “storia di disturbo dello spettro autistico o di un altro disturbo della comunicazione ad esordio nell’infanzia” se allucinazioni o deliri “preminenti” sono presenti da almeno un mese (DSM5, APA 2013). Saranno discussi gli elementi di continuità tra i sintomi autistici e quelli psicotici, le determinanti etiopatogenetiche comuni ai due disturbi e i percorsi diagnostici e terapeutici da adottare per identificare e trattare tempestivamente questa condizione.   

-
Docente
Antonella Gagliano
Durata Modulo
2h 00m
Modulo
16
La gestione delle più diffuse problematiche comportamentali negli adulti e costruzione di nuove abilità
-
Docente
Marco De Caris
Durata Modulo
2h 00m
Modulo
17
Comprendere e valutare il disturbo dello spettro autistico con le Autism Spectrum Rating Scales (ASRS)
-
Docente
Sam Goldstein
Durata Modulo
2h 00m
Modulo
18
Autismo e Musica: dall’individualità alla costruzione del gruppo
-
Docente
Ettore Caterino
Durata Modulo
2h 00m
Docenti
Costanza Colombi
Psicologo/a
Psicologa clinica e dello sviluppo, è specializzata nella diagnosi e nel trattamento dell’autismo nella prima infanzia. Dopo la laurea in psicologia all’Università di Parma, ha svolto il dottorato di ricerca presso il Mind Institute all’Università della California in Sacramento, a fianco di Sally… continua
Filippo Muratori
Altro
Già professore di neuropsichiatria infantile all'Università di Pisa, è attualmente direttore scientifico della Fondazione Stella Maris Mediterraneo e referente italiano del progetto europeo AIMS-2-Trials.
Andrea Bonifacio
Altro
Il Dott. Bonifacio è psicologo,psicoterapeuta,Tnpee. Official  Pact Trainer , è professore a contratto presso Cdl in TNPEE Università della Campania "Luigi Vanvitelli ", docente a contratto  presso   Master Universitari  ( La Sapienza Roma , Federico II Napoli, Alma Mater Bologna, Univ di Trento… continua
Giovanna Gison
Altro
Laurea  in Psicologia presso l’Università la Sapienza.Laurea in  Terapia  della neuropsicomotricità dell’età evolutiva  presso l’Università Milano Bicocca.Pact (Paediatric Autism Communication Therapy) Trainer.Docente di Tec. e Scienze della Riabilitazione presso il   corso di Laurea in Terapia… continua
Jonathan Green
Altro
Jonathan Green è professore di psichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza all'Università di Manchester e consulente psichiatra dell'infanzia e dell'adolescenza al Royal Manchester Children's Hospital. Ha studiato medicina a Cambridge, pediatria a Londra e psichiatria a Oxford prima di fondare… continua
Leonardo Zoccante
Altro
Neuropsichiatra Infantile, è Direttore della UOC Infanzia, Adolescenza, Famiglia e Consultori del Distretto 1-2 presso l'Azienda ULSS9 Scaligera e Coordinatore del Centro Regionale Disturbi dello Spettro Autistico di Verona. Oltre all’attività clinica, diagnostica e di ricerca, è Responsabile… continua
Antonio Narzisi
Psicologo/a
Psicologo, Psicoterapeuta dell’Istituto di Gestalt HCC Italy e Ricercatore in Neuroscienze dello Sviluppo. Professore a contratto presso la Facoltà di Medicina dell’Università di Pisa. E’ Full Member dell’ INSAR – International Society for Autism Research. Svolge attività clinica e di ricerca… continua
Stefano Berloffa
Medico chirurgo
Dirigente Medico presso l'Unità Operativa Complessa (UOC) di Psichiatria e Psicofarmacologia dell’Età Evolutiva, IRCCS Fondazione Stella Maris, Pisa diretta dal Dott Gabriele Masi. Expertise in occupandosi di psichiatria della prima infanzia e dell’adolescenza e dei Disturbi ansia e dell’umore… continua
Giulia Giovagnoli
Altro
Laureata in Neuroscienze Cognitive presso l’Università La Sapienza, si forma come Psicoterapeuta cognitivo-comportamentale presso la Scuola di Psicoterapia Cognitiva di Roma. Nel 2018 consegue il titolo di dottorato di ricerca in «Psicopatologia Evolutiva e trasformazioni sociali» presso l’… continua
Antonella Gagliano
Medico chirurgo
MD PhD. Prof. Associato di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza, Università di Messina, Dipartimento di Patologia Umana dell'Adulto e dell'Età Evolutiva "G. Barresi", Messina.  È autrice di numerose pubblicazioni scientifiche, su riviste internazionali e nazionali, riguardanti… continua
Marco De Caris
Psicologo/a
Psicologo Psicoterapeuta, lavora nel campo dei Disturbi dello Spettro Autistico da oltre 25 anni con particolare attenzione all’età adulta.Attualmente è Presidente di “E.C.A.P.” E.T.S. che gestisce Case famiglia e centri per persone nello Spettro Autistico, sul territorio italiano; formatore “… continua
Sam Goldstein
Psicologo/a
Sam Goldstein ha conseguito il dottorato di ricerca in Psicologia scolastica presso l'Università dello Utah ed è abilitato come psicologo e psicologo scolastico certificato nello Stato dello Utah. È inoltre certificato come neuropsicologo pediatrico ed è iscritto all'albo nazionale dei fornitori di… continua
Maurizio Arduino
Psicologo/a
Giuseppe Maurizio Arduino, psicologo dirigente, psicoterapeuta, Responsabile della SSD Servizio di Psicologia e psicopatologia dello sviluppo e del Centro Autismo e Sindrome di Asperger di Mondovì dell’ASL CN1 di Cuneo. Coordina il programma autismo della Regione Piemonte, per l’area minori, ha… continua
Aubyn Stahmer
Altro
La dott.ssa Aubyn Stahmer è docente di psichiatria e scienze comportamentali presso l'UC Davis MIND Institute, psicologa clinica e analista del comportamento certificata. Dirige il Centro di eccellenza per le disabilità dello sviluppo. La dott.ssa Stahmer ha oltre 25 anni di esperienza nell'… continua
Giovanni Valeri
Altro
Ettore Caterino
Medico chirurgo
Neuropsichiatra infantile specialista ambulatoriale a t. indeterminato a 38 ore con rapporto di esclusività con l’Azienda ASL Sudest, Psicoterapeuta a orientamento sistemico-relazionale.Operativo presso ambulatorio UFSMIA di Castel del Piano (GR), UFSMIA di Orbetello (GR) e centro Autismo di… continua
Arianna Bentenuto
Altro
Arianna Bentenuto è ricercatrice presso il Dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitive dell’Università di Trento. Si occupa di ricerca nell’ambito della diagnosi e intervento di bambini autistici in età prescolare, in particolare dell’analisi di interventi che prevedono il coinvolgimento attivo… continua
Iscrivendoti potrai
Vedere o rivedere l'evento in differita quando vorrai: rimarrà sulla tua area riservata per 12 mesi
Scaricare l'attestato di partecipazione
ISCRIZIONI
Iscrizione al corso
45 crediti ECM
per tutte le professioni sanitarie
30posti disponibili in promozione
279,00 €223,20 €
*Scadenza acquisizione ECM:
01 Mar 2025
Acquistabile entro il:
01 Mar 2025
Inoltre avrai accesso a:
Attestato di partecipazione
Attestato ECM
Tutte le professioni sanitarie
Test a risposta multipla
5 tentativi possibili

Ti serve aiuto?

Per le iscrizioni via bonifico, è necessario che la contabile dello stesso venga inviata all’indirizzo email: assistenza@psicologia.io.

Serviranno poi alcuni giorni lavorativi affinché vengano effettuate le verifiche amministrative e il corso possa quindi essere attivato.

L’acquisto con Paypal o carta di credito/debito è invece istantaneo. Se nel processo qualcosa non ha funzionato, e il corso non risulta attivo, può scriverci ad assistenza@psicologia.io

Il test ecm sarà disponibile dalla fine del corso fino alla data di scadenza indicata nella tua area riservata.
Dopo tale data non sarà più possibile ottenere gli ecm.

Per calcolare le tempistiche di visualizzazione dei crediti sui portali Agenas e Cogeaps, è necessario fare sempre riferimento alla data di scadenza del test ECM (e NON alla data in cui è stato superato il test).

Gli accreditamenti relativi al 2022 sono scaduti, mentre per l'accreditamento 2023 la data di scadenza di un test ECM può essere verificata accedendo alla sua area riservata, sotto la voce "Scadenza acquisizione ECM" di fianco al titolo del corso/libro.

Entro 90 giorni a partire da questa data comunicheremo noi i dati dei partecipanti ad Agenas, che provvederà a comunicarli a Cogeaps.

Per test effettuati entro le scadenze del 2022, i crediti saranno successivamente acquisiti da Agenas/Cogeaps e varranno per l'anno 2022; se il quiz viene compilato entro le date indicate per il nuovo accreditamento 2023, i crediti varranno per il triennio 2023-2025.

Gli attestati ECM sono scaricabili fino alla data di scadenza ECM, e hanno valore di documento legale ufficiale che certificazione l’acquisizione dei crediti (anche in caso di controlli).

Per un corso con scadenza ECM 31/1/2024, per esempio, i crediti potranno essere visibili su Agenas (e poi Cogeaps) a partire dal 31/4/2024.

I pagamenti tramite bonifico richiedono innanzitutto l’invio della distinta di avvenuto pagamento alla casella mail assistenza@psicologia.io.

Il corso richiede qualche giorno  lavorativo per essere correttamente caricato all’interno della sua area riservata, il tempo necessario per procedere con la verifica dell’effettiva ricezione del pagamento.

Per i corsi:
Trova il test  ECM per uno specifico corso nella propria area riservata al sito www.psicologia.io  (nome in alto a destra –> I miei corsi -> Vai al corso e inserire per ogni  modulo la spunta di autocertificazione ECM --> scorrere fino al tasto Accedi al test ECM).

Per i libri:
Trova il test ECM per uno specifico libro nella propria area riservata al sito www.psicologia.io  (nome in alto a destra –> I miei corsi --> Vai al libro --> scorrere fino al tasto Accedi al test ECM).

Sia per corsi sia per libri:
sono disponibili 5 tentativi e fino alla scadenza indicata per la compilazione.

Vi sarà anche un questionario di valutazione da compilare.
Una volta completato, potrà scaricare direttamente dal sito il suo attestato ECM.

La comunicazione ad Agenas verrà effettuata entro i 90 giorni successivi alla data di scadenza del corso (indicata all’interno dell’area riservata, sotto la dicitura “Scadenza acquisizione ECM”).

Gli attestati sono scaricabili dalla sua area riservata, secondo questo percorso:  

Nome in alto a destra –> I miei corsi -> Vai al libro/corso  --> scorrere fino al tasto “completa il questionario di valutazione per scaricare l’attestato” 

Dopo aver completato il questionario di gradimento/valutazione, potrà scaricare il documento. 

Gli attestati ECM possono essere scaricati solo fino alla data di scadenza ECM.

Seguendo lo stesso percorso potrà anche scaricare l’attestato di frequenza (che salvo diverse specifiche non richiede il superamento di un quiz).

La fase di editing e montaggio dei video richiede alcuni giorni lavorativi. 

I crediti ECM sono validi per tutte le professioni sanitarie.

Purtroppo no: l’accesso a un quiz ECM sul Psicologia.io è vincolato all’acquisto di un prodotto (un libro o un corso) sul nostro portale.

Al momento non è possibile effettuare acquisti con carta docente.

Le videoregistrazioni e i materiali (slides) vengono caricati nella sua area riservata. Sono necessari alcuni giorni lavorativi dopo la diretta Zoom, per il loro caricamento, e che non tutti i docenti utilizzano slides e/o scelgono di condividerle con i partecipanti.

Per i corsi on demand (cioè che non prevedono dirette Zoom), le videoregistrazioni sono già disponibili sul sito.

Per trovare la sua area riservata faccia il login con la mail e la password scelta in fase di registrazione. In alto a destra vedrà il suo nome: clicchi su "I miei corsi" --> Vai al corso accanto al titolo del corso desiderato. 

Le registrazioni saranno disponibili per 12 mesi.