Webinar

La metodologia del Gioco della Sabbia

10 crediti ECM per tutte le professioni sanitarie
La metodologia del Gioco della Sabbia

LA METODOLOGIA DEL GIOCO DELLA SABBIA
Ciclo di seminari


10 ECM per il triennio 2020 - 2022
(senza necessità di partecipare alle dirette)

La metodologia della Sandplay Therapy, coinvolgendo il corpo nella manipolazione di una materia primaria senza forma, come la sabbia, permette il riaffiorare di parti della psiche con cui si è persa la relazione, e di prendere consapevolezza di eventi dolorosi rimossi o negati, sensazioni angosciose  a cui non si può dare contenuto e nome, ma che il corpo ricorda e che possono essere rimesse in rapporto con l’apparato psichico adulto, aiutando l’individuo a trovare un nuovo equilibrio e un migliore adattamento alla realtà.

Nei tre seminari che proponiamo sarà interessante apprezzare come la Sandplay Therapy offra l’opportunità di affrontare la sofferenza attivando le risorse profonde che scaturiscono dalla connessione di conscio e inconscio.
Proponiamo quindi tre seminari  di approfondimento in cui la Sandplay Therapy rivela la sua potenzialità come strumento di ricerca e di cura. In tutte e tre le giornate i temi esposti verranno illustrati attraverso esperienze cliniche

 

L’AISPT, espressione italiana della International Society for Sandplay Therapy – ISST, si occupa di formazione, ricerca, condivisione di esperienze e conoscenze sulla psicologia con il metodo del Gioco della Sabbia, all’interno di una rete internazionale che facilita lo studio, la discussione specialistica e lo scambio tra i terapeuti.

 

PROGRAMMA

Sabato 9 Aprile 2022, h. 9-13  | GIOVANNA CURATOLA E ANNA CESTER | La Sandplay Therapy incontra le neuroscienze 

Sabato 14 Maggio 2022, h. 9-13 | FRANCESCO MONTECCHI E PAOLA MANZONI La Sandplay Therapy: prevenzione e cura dei disturbi alimentari

Sabato 4 Giugno 2022, h. 9-13 | FRANCO CASTELLANA E MASSIMILIANO SCARPELLI | Trauma e  Sandplay Therapy: alle radici della sofferenza 
 

Docenti
Associazione Italiana per la Sandplay Therapy
Associazione
L’AISPT aderisce all’International Society for Sandplay Therapy (ISST) che riunisce al suo interno varie società nazionali per la terapia del Gioco della Sabbia. In linea con lo spirito e gli intendimenti del network internazionale, l’AISPT si propone di contribuire, a livello nazionale, allo sviluppo della “Sandplay Therapy”, prendendo a fondamento il lavoro di Dora Kalff come espressione e… continua
Giovanna Curatola
Psicoterapeuta
Giovanna Curatola già professore ordinario  della Università Politecnica delle Marche ha insegnato Chimica Biologica e Neurochimica presso la Facoltà di Medicina e Chirugia e la Facoltà di  Biologia dell’ Ateneo Dorico. Parallelamente ha qualificato una formazione psicoanalitica e psicoterapeutica in ambito junghiano. E’ stato membro del Comitato Scientifico della Scuola di Formazione in… continua
Anna Cester
Psicoterapeuta
Professione: Medico Psicoterapeuta Regione di residenza: Marche Anna Maria Cester: Medico Pediatra, Psicoterapeuta; PhD su Obesità e patologie associate. Membro Ordinario dell’Associazione Italiana Sand Play therapy (AISPT)  e dell’International Society of Sandplay Therapy (ISST)- Membro Ordinario Del Centro Italiano di Psicologia Analitica ( CIPA) di Roma e dell’International  Association… continua
Francesco Montecchi
Psicoterapeuta
Francesco Montecchi utilizza il gioco della sabbia nella sua attività di terapeuta; ha imparato questo metodo direttamente dalla sua ideatrice, l'allieva di Jung, Dora Kalff.. Già primario di NPI all’Ospedale Bambino Gesù di Roma e docente a.c. dell’Università La Sapienza. e di “Tor Vergata”. Dirige il Centro Clinico della Onlus “La Cura del Girasole”. di cui è presidente e fondatore.  Analista… continua
Paola Manzoni
Psicoterapeuta
Franco Castellana
Psicoterapeuta
Massimiliano Scarpelli
Psicoterapeuta
Programma
1
Modulo
La Sandplay Therapy incontra le neuroscienze

Il nostro percorso vuole intrecciare considerazioni cliniche suggerite dalle immagini di sabbia prodotte di piccoli pazienti traumatizzati dalla loro stessa origine, in quanto bimbi adottivi, con considerazioni teoriche derivanti dalla intersezione delle neuroscienze con la teorizzazione junghiana e più in generale con la psicoanalisi post-freudiana. Il continuo e reciproco rapporto della comunicazione corpo-cervello-mente-mondo verrà esplorato per quanto concerne la organizzazione strutturale, la genesi della funzionalità mentale e le implicazioni dinamiche nel rapporto tra il soggetto, l'oggetto e l'ambiente umano e non umano, per come di volta in volta emergono e si rappresentano. Tra precursori al processo individuativo e un fondamento di vitalità aperto dal trauma, la prospettiva della crescita viene quindi a legarsi da una parte alle dinamiche evolutive dall’altra, e più in generale alle implicite correlazioni nella conduzione della terapia analiticamente orientata valorizzando la specificità integrativa del Gioco della Sabbia.

-
Relatore
Giovanna Curatola
Anna Cester
Durata Modulo
4h 00m
2
Modulo
La Sandplay Therapy: prevenzione e cura dei disturbi alimentari

Verranno presentati i D.C.A. infanto-adolescenziali attraverso una visione integrata dei vari aspetti psicologici, psicopatologici, proponendo una lettura psicodinamica e relazionale  per capire come e perché questi disturbi siano "psicologici" e non dell'alimentazione e richiedano un impegno clinico terapeutico multidisciplinare. Il Gioco della Sabbia si è rivelato un metodo psicoterapico molto efficace per queste patologie e fin dall'inizio facilita la costruzione della alleanza di lavoro. Verranno presentati quadri di sabbie che evidenzieranno caratteristiche molto differenziate in rapporto alle diverse forme cliniche.

-
Relatore
Francesco Montecchi
Paola Manzoni
Durata Modulo
4h 00m
3
Modulo
Trauma e Sanplay Therapy: alle radici della sofferenza

Tracce incise profondamente nella psiche e nel corpo che non mutano e non si aggiornano con il passare del tempo. Schegge impazzite che soffocano l’energia vitale. L’organismo reagisce con l’impotenza e la paralisi e all’interno dell’individuo si inscrive quel ricordo traumatico non elaborato che continuerà a ripresentare il conto per il resto della vita. Kalsched scrive che nel trauma lo scopo della psiche è la sopravvivenza non l’individuazione. La difesa dunque è un salvavita, ma poi, in seguito, sbaglia ogni “lampo di luce” per la catastrofe originaria e interrompe la connessione in modo compulsivo .Il gioco della sabbia appare essere uno degli strumenti che riescono a lavorare e incidere su questa drammatica realtà.

-
Relatore
Franco Castellana
Massimiliano Scarpelli
Durata Modulo
4h 00m

ISCRIZIONI

Registrati al Webinar per 87,00 € 10 crediti ECM
per tutte le professioni sanitarie
La scadenza per ottenere gli ECM relativi a questo corso è il: 30 Dic 2022
Corso acquistabile entro il: 15 Dic 2022

Acquistando il corso potrai:

  • ottenere 10 ECM senza necessità di accedere alle dirette dei webinar
  • partecipare alle dirette su Zoom
  • usufruire delle registrazioni dei seminari disponibili per 12 mesi sulla tua area riservata
  • scaricare tutti i materiali messi a disposizione dai docenti
  • ottenere l'attestato di partecipazione

Ti serve aiuto?

Troverai le registrazioni dei seminari entro pochi giorni nella tua area riservata.
Le registrazioni sono disponibili per 12 mesi.
Gli interventi in lingua straniera saranno disponibili sia in lingua originale, sia con la traduzione montata.