Corso On Demand

Esplorazioni etiche ed estetiche nella pratica sistemica

Psicoterapia Sistemico Relazionale
Esplorazioni etiche ed estetiche nella pratica sistemica

Esplorazioni etiche ed estetiche nella pratica sistemica. Omaggio a Mony Elkaïm

Il congresso svilupperà ipotesi intorno alle connessioni tra etica ed estetica nei sistemi sociali. 

Così come un antropologo indaga l'altro assumendosi la responsabilità delle proprie premesse, così un terapeuta attraversa molteplici punteggiature affettive, cognitive, epistemologiche.

Riflettere oggi nel tempo sospeso del Covid e seguire le direzioni dell'etica e dell'estetica significa aprirsi all'epistemologia della complessità e assumersi la responsabilità della cecità delle proprie premesse di fronte all'altro

Non è per niente necessario che l'altro abbia torto perché io possa aver ragione poiché se impariamo a essere autonomi senza colpevolizzarci, potremo aiutare coloro che ci circondano a scoprire che anche loro hanno diritto all'autonomia
Mony Elkaïm

 

Ethical and Aesthetic Explorations of Systemic Practice: New Critical Reflection. Homage to Mony Elkaïm

The conference will develop hypotheses around the connections between ethics and aesthetics in social systems. 

Just as an anthropologist investigates the other by taking responsibility for his or her own premises, so a therapist traverses multiple affective, cognitive, and epistemological punctuations.

Today, to reflect in the suspended time of the Covid and to follow the directions of ethics and aesthetics means opening oneself to the epistemology of complexity and taking responsibility for the blindness of one's own premises in the face of the other.

"It is not at all necessary that the other person to be wrong in order for me to be right, because if we learn to be autonomous without blaming ourselves, we can help those around us to discover that they have tooa right to autonomy"
Mony Elkaïm

 

Exploraciones éticas y estéticas de la práctica sistémica: Nueva reflexión crítica. Homenaje a Mony Elkaïm

El congreso desarrollará hipótesis entorno a las conexiones entre ética y estética  en los sistemas sociales.

Así como un antropólogo investiga a un otro asumiendo la responsabilidad de sus propias premisas es cómo un terapeuta atraviesa múltiples puntuaciones afectivas, cognitivas y epistemológicas. 

Hoy, reflexionar el tiempo suspendido del Covid y seguir las direcciones de la ética y  de la estética significa abrirse a la posibilidad que nuestras propias premisas sean ciegas frente a un otro.

"No es para nada necesario que el otro esté equivocado para que yo pueda tener razón, porque si aprendemos a ser autónomos sin culparnos, podremos ayudar a los que nos rodean a descubrir que ellos también tienen derecho a la autonomía"  
Mony Elkaïm

 

Metodologia didattica

Convegno internazionale CMTF Milan Approach

Docenti
Centro Milanese di Terapia della Famiglia
Centro di Formazione
Il Centro Milanese di Terapia della Famiglia è stato fondato nel 1981 da Luigi Boscolo e Gianfranco Cecchin che hanno creato un approccio di conduzione del processo terapeutico conosciuto e studiato come “Milan Approach ©”. Boscolo e Cecchin sono stati protagonisti della clinica sistemica alla luce del pensiero di Gregory Bateson, della cibernetica di secondo ordine, del costruttivismo e, negli… continua
Pietro Barbetta
Psicoterapeuta
Pietro Barbetta è Direttore del Centro Milanese di Terapia della Famiglia.Insegna Teorie psicodinamiche all’Università di Bergamo, membro di World Association for Cultural Psychiatry (WACP) e Presidente della sezione Lombardia di International Society for Psychological and Social Approach to Psychosis (ISPS), tiene seminari presso diverse Scuole di specializzazione in psicoterapia a orientamento… continua
Vincenzo De Bustis
Psicoterapeuta
Vincenzo de Bustis è nato a Napoli nel 1964 si è laureato a Roma in Psicologia nel 1990. Si è dedicato dapprima alla ricerca sperimentale in tema di riconoscimento percettivo e immagini mentali collaborando alla cattedra di psicologia generale ed è stato collaboratore a contratto all’istituto di psicologia del CNR conducendo studi sui processi psicologici dell’invecchiamento, perfezionato in… continua
Umberta Telfener
Psicoterapeuta
UMBERTA TELFENER  psicologa clinica, laureata sia in Filosofia che in Psicologia, è stata professore a contratto alla Scuola di Specializzazione in Psicologia della Salute, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”(dal 1998); già professore alla scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica della stessa Università (1990-98). Ha lavorato in un Centro di Salute Mentale per 10 anni e lavora… continua
Edith Goldbeter-Merinfeld
Psicoterapeuta
Edith Goldbeter-Merinfeld, Dottoressa in Scienze Psicologiche, Professore Onorario (ULB- Université Libre de Bruxelles). Terapista familiare. Direttrice della formazione presso l'Istituto per gli studi sulla famiglia e i sistemi umani - IEFSH (Bruxelles). Direttrice della collezione "Carrefour des psychothérapies", Deboeck, Bruxelles.  Redattrice dei "Cahiers Critiques de Thérapie Familiale et de… continua
Inga-Britt Krause
Psicoterapeuta
Inga-Britt Krause, PhD, è antropologa sociale e consulente psicoterapeuta sistemica presso la Clinica Tavistock. Ha svolto ricerche etnografiche con una comunità indù in Himalaya e con la comunità punjabi nel Regno Unito. Dal 2001 al 2015 è stata consulente di sviluppo per la razza e l'equità presso la Tavistock & Portman NHS Foundation Trust. Attualmente è la responsabile del dottorato… continua
María Esther Cavagnis
Psicoterapeuta
María Esther Cavagnis è una psicologa con un Master in Psicologia Clinica. Direttore accademico di FyP. È direttrice degli studi presso la FyP , Fondazione per la Terapia della Famiglia e delle Coppie, un'istituzione nata nel 1979, pioniera nella formazione di terapeuti familiari in Argentina e in Sud America. E' anche docente post-laurea e coordinatrice di un team di ricerca clinica dedicato… continua
Programma
1
Modulo
Umberta Telfener | Come lavorare rispettando l'etica e l'estetica

Chairperson: Vincenzo De Bustis

Quali sono le operazioni per agire in terapia rispettando l’etica e l’estetica? 

Di questo desidero parlare nel mio intervento, accennando all’atteggiamento del clinico in seduta, al suo positioning, alla costruzione della relazione, alle premesse da tenere in considerazione, ai pregiudizi da considerare e al clima da ricercare.

Questo ragionamento ricorsivo verrà condotto attraverso un caso.

 

How to work while respecting ethics and aesthetics

What are the operations to act in therapy respecting ethics and aesthetics? 
This is what I want to talk about in my presentation, mentioning the clinician's attitude in the session, his positioning, the construction of the relationship, the premises to take into account, the prejudices to consider and the climate to look for.

This recursive reasoning will be conducted through a case.

 

Cómo trabajar respetando la ética y la estética

¿Cuáles son las operaciones para actuar en terapia respetando la ética y la estética?
Deseo hablar sobre esto en mi intervención, haciendo alusión a la actitud del clínico durante la sesión, a su posicionamiento, a la construcción de la relación, a las premisas que deben tenerse en cuenta, a los prejuicios a considerar y el clima que se está buscando.
Este argumento recursivo se llevará a cabo a través de un caso.

 

 

 

Sab 27 Febbraio 2021, 9:00 - 11:00
Relatore
Umberta
Telfener
Vincenzo
De Bustis
Durata Modulo
2 ore
2
Modulo
Edith Goldbeter-Merinfeld | Risonanze e metafore

Chairperson: Vincenzo De Bustis

La seduta terapeutica non si limita ad essere un incontro tra una famiglia e uno "specialista" che utilizzerà strumenti terapeutici (oggetti fluttuanti e strutture teorizzate da altri specialisti del settore o da lui stesso).

Qualcosa avviene a livello subliminale (anche se non inconsapevolmente) nella stanza del terapeuta, che determinerà la scelta dell'approccio da parte del terapeuta.

Questa scelta è co-costruita a sua insaputa anche dalla famiglia: queste risonanze possono poi portare all'emergere di nuove metafore uniche del contesto terapeutico.

 

Resonances and metaphors

The therapeutic session is not limited to be a meeting between a family and a "specialist" who will use therapeutic tools (floating objects and frameworks theorized by other specialists in the field or by himself).
Something occurs at a subliminal level (though not unconsciously) in the Therapist office, which will determine the choice of the approach made by the therapist.
This choice is co-constructed without his knowledge by the family too: these resonances can then lead to the emergence of new unique metaphors of the therapeutic context.

 

Resonancias y metáforas

La sesión terapéutica no se limita a ser un encuentro entre una familia y un “especialista” que utilizará instrumentos terapéuticos (objetos flotantes y estructuras teorizadas por otros especialistas del sector o por él mismo).
Algo sucede a nivel subliminal (aunque no inconscientemente) en la sala del terapeuta, que determinará la elección del enfoque por parte del terapeuta.
Esta elección es co-construida sin él saberlo también por la familia: estas resonancias pueden después llevar a la aparición de nuevas metáforas únicas del contexto terapéutico.

Sab 27 Febbraio 2021, 11:00 - 13:00
Relatore
Edith
Goldbeter-Merinfeld
Vincenzo
De Bustis
Durata Modulo
2 ore
3
Modulo
Inga-Britt Krause | L'innovazione della terapia familiare con il pensiero rizomatico

Chairperson: Pietro Barbetta

La psicoterapia familiare o sistemica si è bloccata. Sembra che o veniamo inghiottiti dai prevalenti approcci basati sull'evidenza che utilizzano la classificazione, la diagnosi e l'eziologia.

Se si fa un passo indietro, questo sembra notevole nella disciplina o nell’approccio che deriva dal lavoro di Bateson e che attraverso Cecchin, Boscolo, Sluzki, Maturana, von Foerster ha fornito ispirazione attraverso le nozioni di processo, paradosso, irriverenza e la fallacia della concretezza fuori luogo.

Ci sono naturalmente voci di dissenso, ma queste voci trovano ispirazione in scrittori ammirevoli e lungimiranti, che raramente sono essi stessi medici. Come si può allora passare oltre queste contraddizioni, trovando un approccio aperto e non classificatorio che riconosce e celebra la complessità e allo stesso tempo può ispirare immaginazione e creatività nella stanza di terapia.

 

Moving Family Therapy on to Rhizome Thinking

Family or systemic psychotherapy has become stuck. It seems we are either being swallowed up by prevailing evidence based approaches using classification, diagnoses and aetiology.
If you take a step back this seems remarkable in a discipline or in an approach, which derives from the work of Bateson and which via Cecchin, Boscolo, Sluzki, Maturana, von Foerster have provided inspiration through the notions of process, paradox, irreverence and the fallacy of misplaced concreteness.
There are of course voices of dissent, but these voices find inspiration from admirable and far sighted writers, who rarely themselves are clinicians. How then can we move on from these contradictions, finding an open non-classifying approach which acknowledges and celebrates complexity while at the same time can inspire imagination and creativity in the therapy room. 

 

La innovación de la terapia familiar con el pensamiento rizomático

La psicoterapia familiar o sistémica se ha estancado. Pareciera que hemos sido tragados por los predominantes enfoques basados en la evidencia que utilizan la clasificación, el diagnóstico y la etiología. 
Si se da un paso hacia atrás, esto parece destacar en la disciplina o el enfoque de Bateson y que a través de Cecchin, Boscolo, Sluzki, Maturana, von Foerster ha servido de inspiración a través de las nociones de proceso, paradoja, irreverencia y la falacia de la concretización fuera de contexto.
Por supuesto, hay voces disidentes, pero estas voces se inspiran en escritores admirables y visionarios, que extrañamente son médicos. 
Cómo se puede entonces superar estas contradicciones, encontrando un enfoque abierto y no clasificatorio que reconoce y celebra la complejidad y al mismo tiempo puede inspirar la imaginación y la creatividad dentro de la sala de terapia.

Sab 27 Febbraio 2021, 14:00 - 16:00
Relatore
Inga-Britt
Krause
Pietro
Barbetta
Durata Modulo
2 ore
4
Modulo
María Esther Cavagnis | Una prospettiva EES (Etno- Eco-Sistemica): L'ingresso in un istituto di terapia familiare in Argentina. Politica, pratiche ed esperienza

Chairperson: Pietro Barbetta

L'approccio Etno-Eco-Sistemico (EES) si riferisce ad una prospettiva clinica teorica che abbiamo sviluppato presso la FyP (fundación Familias y Parejas) negli ultimi anni.

Questo lavoro è stato presentato nel giorno della commemorazione del 40° anniversario dell'istituzione ed è il risultato di un processo di riflessione collettiva. Vi invito a considerare questa prospettiva come un'estetica del pensiero transdisciplinare, più vicina all'arte che alla tecnica e che collega concetti etnografici, ecologici e sistemici.

Dalle letture di alcuni pensatori, in particolare Foucault, Deleuze, Guattari, per citare alcuni dei più influenti europei; Suely Rolnik e Viveiros de Castro in Brasile; Tato Pavlovski e Gregorio Baremblit in Argentina e tanti altri in Sud America siamo stati invitati a rivisitare Bateson e a rivalutare la potenza del suo pensiero per la clinica psicoterapeutica familiare.

 

An EES Perspective (Ethno – Eco – Systemic): The Coming into Being of a Family Therapy Institution in Argentina. Politics, practices, and experiences

Ethno-Eco-Systemic (EES) refers to a theoretical clinical perspective that we have been developing at the FyP (fundación Familias y Parejas) in recent years.
This work was presented on the day of commemoration of the institution's 40th anniversary and is the result of a collective reflective process. I invite you to consider this perspective as an aesthetic of transdisciplinary thought, closer to art than to technique and that connects ethnographic, ecological and systemic concepts.

From the readings of some thinkers, especially Foucault, Deleuze, Guattari, to mention some of the most influential Europeans; Suely Rolnik and Viveiros de Castro in Brazil; Tato Pavlovski and Gregorio Baremblit in Argentina and so many others in South America we have been urged to revisit Bateson and revalue the power of his thinking for the family psychotherapeutic clinic.

 

Una perspectiva EES (Ethno-Eco-Systemic): Ingreso en una institución de terapia familiar en Argentina. Política, prácticas y experiencia

El Enfoque Etno-Ecosistémico (EES) se refiere a una perspectiva clínica teórica que hemos desarrollado en FyP (fundación Familias y Parejas) en los últimos años.
Este trabajo fue presentado el día de la conmemoración del 40º aniversario de la institución y es el resultado de un proceso de reflexión colectiva. Les invito a considerar esta perspectiva como una estética del pensamiento transdisciplinar, más cercana al arte que a la técnica y que vincula conceptos etnográficos, ecológicos y sistémicos.


A partir de las lecturas de una serie de pensadores, especialmente Foucault, Deleuze, Guattari, por nombrar algunos de los más influyentes europeos; Suely Rolnik y Viveiros de Castro en Brasil; Tato Pavlovski y Gregorio Baremblit en Argentina y muchos otros en Sudamérica hemos sido invitados a revisitar a Bateson y revalorizar la potencia de su pensamiento para la clínica familiar psicoterapéutica.
 

Sab 27 Febbraio 2021, 16:00 - 18:00
Relatore
María Esther
Cavagnis
Pietro
Barbetta
Durata Modulo
2 ore

ISCRIZIONI
Registrati al Corso On Demand per 96,00 €

Materiale didattico:
video

Acquistando il corso potrai:

- seguire il convegno in diretta, con traduzione simultanea in italiano

- scaricare i materiali messi a disposizione dai docenti

- vedere le registrazioni del seminario, disponibili sulla tua area riservata per 12 mesi