Child Mind 2022

Meeting Psicologia e Psicoterapia dell'infanzia | Child Mind 2022

Psicologia e Psicoterapia dell'Infanzia

CHILD MIND 2022

2^ Edizione
Psicologia e Psicoterapia dell'Infanzia

Convegno Online | 13-14-15 Ottobre 2022

45 ECM*

Direzione Scientifica: ALESSANDRO LOMBARDO

17 relatori di fama nazionale e internazionale

36 ore di formazione online

Accesso alle registrazioni per 12 mesi

Audio in originale e con traduzione simultanea per i relatori e le relatrici stranieri

 

*Gli ECM sono validi
per il triennio 2020-2022 se compili il questionario entro il 30/12/2022
per il triennio 2023-2025 se compili il questionario tra il 1/01/2023 e il 30/12/2023


 

Child Mind 2022, riunisce insieme alcuni tra i massimi esperti di psicologia e psicoterapia dell'infanzia. Abbiamo voluto dedicare 3 giornate intere al lavoro con e per i bambini, includendo anche il necessario lavoro con i genitori.

Negli anni ‘90, Vincent Felitti e il suo staff di ricerca hanno introdotto nel dibattito su maltrattamenti e abusi nell'infanzia la nozione di Esperienze Sfavorevoli Infantili (ESI). 
Con le ESI si intendeva indicare quell'insieme di situazioni vissute nell'infanzia definibili come "incidenti di percorso" che vanno ad incidere in modo significativo sui processi di attaccamento e quindi sul percorso evolutivo del bambino.

Esse comprendono tutte le forme di abuso all'infanzia subito in forma diretta, come abuso sessuale, maltrattamento psicologico, fisico, trascuratezza; e le condizioni subite in forma indiretta che rendono l'ambito familiare impredicibile e malsicuro, come per esempio alcolismo o tossicodipendenza dei genitori, malattie psichiatriche e soprattutto violenza assistita, cioè il coinvolgimento del minore, attivo e/o passivo, in atti di violenza compiuti su figure di riferimento per lui affettivamente significative.

La necessità quindi di potersi prendere cura per "riparare", "correggere", sostenere, questi percorso evolutivi e, in definitiva, questi bambini, è al centro di queste giornate.

Gli interventi presenti in queste giornate sono quindi dedicati a chi deve lavorare con l'infanzia e con la genitorialità, in un mix di orientamenti e tipologie di intervento.

Si è di fatto voluto ampliare il più possibile la tipologia di contesti, interventi, orientamenti, per caratterizzare queste 3 giornate di seminari con la più ampia visibilità possibile sulle possibilità di lavoro con l'infanzia.

Questo convegno è dedicato a chi dedica i propri sforzi umani e professionali alla cura dell'infanzia.

 

PROGRAMMA
 

LECTIONES MAGISTRALES

22 settembre 2022
h 9-12, con Stefano CIRILLO

6 ottobre 2022
h 9-12, con 
Luigi CANCRINI

Coming Soon

 

CHILD MIND 2022

Giovedì 13 Ottobre

h 9-11, con Giacomo Rizzolatti -  Il meccanismo alla base dei neuroni specchio

h 11-13, con Patrizia Patrizi -  Giustizia riparativa: connettere le persone per dis-fare ingiustizia

h 14-16, con Lisa Berlin -  Interventi basati sull'attaccamento per sostenere i nuovi genitori e i loro bambini

h 16-18, con Rebecca Shiner -  Differenze di personalità nell'infanzia

h 18-20, con Fabio Sbattella -  Come affrontare l'emergenza coi bambini

 

Venerdì 14 Ottobre

h 9-11, con Francesco Montecchi - La Sandplay Therapy coi bambini

h 11-13, con Roberta Rubbino -  L'uso della Mindfulness nella psicoterapia con i bambini

h 14-16, con David Celani - L'interiorizzazione del trauma familiare nel bambino e il suo trasferimento inconscio alla generazione successiva

h 16-18, con Grazia Vizziello -  Quando la psicosi è di casa: essere figli di genitori psicotici

h 18-20, con Kim Golding -  Comprendere e aiutare i bambini traumatizzati

 

Sabato 15 Ottobre

h 9-11, con Laura Parolin -  Comprendere ed intervenire col bambino secondo il modello della mentalizzazione

h 11-13, con Grazia Attili -  Psicopatologia dell'attaccamento in età infantile

h 14-16, con Adele Ferro - La psicosi in età infantile

h 16-18, con Sam Goldstein -  Valutazione e trattamento del disturbo da disregolazione dell'umore dirompente nei bambini (DMDD)

h 18-20, con Stephen Seligman -  Un approccio intersoggettivo all'identificazione proiettiva: Integrare la teoria kleiniana, la ricerca sull'osservazione infantile e la teoria del trauma

 

Programma
Modulo
1
Il bambino maltrattato e l'adozione | Stefano Cirillo

L’intervento a favore del bambino maltrattato deve collocarsi all’interno di un progetto che prevede varie tappe, che esamineremo una ad una.
Lo snodo principale, una volta provveduto alla necessaria protezione, è costituito dalla prognosi sulla recuperabilità dei genitori: questi saranno in grado, dopo un trattamento iniziato senza una domanda d’aiuto ma su pressione dell’autorità giudiziaria, di diventare (o ri-diventare) “sufficientemente buoni” per occuparsi del figlio?
In caso di prognosi positiva l’intervento sarà centrato sulla famiglia (i genitori – o il genitore recuperabile - e figli), in caso di prognosi negativa sarà destinato al solo bambino, per aiutarlo a elaborare il lutto e avviarlo all’inserimento in una famiglia adottiva.

-

Lezione Magistrale

Docente
Stefano Cirillo
Durata Modulo
3h 00m
Modulo
2
L'adozione | Luigi Cancrini
-

Lezione Magistrale

Durata Modulo
3h 00m
Modulo
3
Coming soon...

Lezione magistrale

Modulo
4
Il meccanismo alla base dei neuroni specchio | Giacomo Rizzolatti

Abstract

-
Docente
Giacomo Rizzolatti
Durata Modulo
2h 00m
Modulo
5
Giustizia riparativa: connettere le persone per dis-fare ingiustizia | Patrizia Patrizi

L’intervento si colloca nel fermento di idee, riforme e progettualità che sta avvicinando sempre più l’Italia agli sviluppi europei in materia di giustizia riparativa.

La giustizia riparativa è un paradigma e un insieme di pratiche che affronta illeciti e torti, a partire dal danno che ne è derivato e dai bisogni delle parti: chi ha agito, chi ha subito, la comunità. L’obiettivo è quello di consentire ai protagonisti di raccontare e ascoltare le “verità” soggettive, ricercando insieme soluzioni caratterizzate dal rispetto e dall’accordo condiviso.

In ambito penale la riforma del processo vedrà l’inserimento di una disciplina organica della giustizia riparativa, che include il riconoscimento di specifici centri e servizi e di una figura terza, che faciliti il dialogo all’interno di un luogo relazionalmente sicuro, ponendosi in posizione equiprossima.

Molte, però, sono le esperienze attive anche nel nostro Paese sia a livello comunitario (restorative communities e restorative cities) e nelle scuole. 

In questi ultimi ambiti, appare ancora più evidente la finalità preventiva della proposta: scuole e comunità insieme per favorire apprendimento di relazioni basate sul rispetto, esercizio di giustizia come valore, responsabilità ecologica, accountability e supporto sociale.

-
Docente
Patrizia Patrizi
Durata Modulo
2h 00m
Modulo
6
Interventi basati sull'attaccamento per sostenere i nuovi genitori e i loro bambini | Lisa Berlin

Questa presentazione affronterà gli interventi basati sull'attaccamento per sostenere i nuovi genitori e i loro bambini. La relatrice si concentrerà sui quattro interventi basati sull'attaccamento progettati per promuovere la sicurezza dell'attaccamento neonato-caregiver che hanno la base di prove più solida: Attachment and Biobehavioral Catch-up (ABC), Child-Parent Psychotherapy (CPP), Minding the Baby (MTB), e Video Intervention to promote Positive Parenting (VIPP). Discuterà le basi teoriche, gli approcci di intervento e le prove di ricerca. Condividerà esempi specifici dai miei studi di implementazione e valutazione del programma ABC per le madri e i loro bambini che ricevono i servizi Early Head Start degli Stati Uniti per le famiglie a basso reddito. Incoraggerà le domande e la partecipazione del pubblico.

-
Docente
Lisa Berlin
Durata Modulo
2h 00m
Modulo
7
Differenze di personalità nell'infanzia | Rebecca Shiner

Durante questo intervento la professoressa Shiner offrirà una prospettiva di sviluppo sulle personalità emergenti dei bambini e la rilevanza di queste differenze di personalità per la pratica clinica. A partire dalla prima infanzia i bambini variano nei loro tratti di temperamento, e dalla mezza infanzia, iniziano a mostrare una gamma ancora più ampia e ricca di caratteristiche di personalità che includono i loro tratti di personalità, valori, motivazioni e strategie di coping. Le differenze di personalità dei bambini hanno implicazioni per il loro successo in importanti compiti di vita e per la loro salute mentale. Verrà esposto lo stato dell’arte della natura di queste differenze di personalità: la stabilità e il cambiamento della personalità dalla prima infanzia alla media infanzia, i processi psicologici e biologici che sono alla base della personalità dei bambini e le conseguenze della personalità dei bambini per il loro benessere e la loro salute mentale. La professoressa Shiner si concentrerà su come i clinici, i genitori e gli insegnanti possono comprendere meglio e lavorare con i bambini con una vasta gamma di differenze di personalità.

-
Docente
Rebecca Shiner
Durata Modulo
2h 00m
Modulo
8
Come affrontare l'emergenza coi bambini | Fabio Sbattella

Il termine “emergenza” non indica una serie di eventi drammatici, bensì l’insieme di percezioni e comunicazioni che qualificano quegli accadimenti come minacciosi, improvvisi ed ingestibili. Per questo gli adulti hanno un ruolo cruciale nell’orientare le risposte emotive e i comportamenti dei bambini nei contesti critici: le loro azioni comunicative sono cruciali. Il seminario discuterà dunque di queste azioni comunicative, fornendo strumenti utili alla riflessione e alla riorganizzazione delle modalità di interazione con i bambini in diversi contesti critici.

-
Docente
Fabio Sbattella
Durata Modulo
2h 00m
Modulo
9
La psicoterapia con le immagini: il “Gioco della Sabbia” | Francesco Montecchi

Il Gioco della Sabbia è stato ideato dalla zurighese Dora Maria Kalff, allieva di C.G. Jung ed è un’originale applicazione del pensiero e della pratica junghiana alla psicoterapia dei bambini, pur essendo utilizzato anche nella terapia analitica degli adulti.

Si inserisce come metodo che facilita il contatto con le immagini interne, attiva il confronto tra conscio ed inconscio, permette di contattare ed elaborare tematiche arcaiche delle fasi precoci della vita non ricordabili né metallizzabili.

Il materiale necessario a lavorare consiste in una stanza con scaffalature in cui vengono ordinati numerosi oggetti in miniatura secondo varie categorie (esseri umani, animali, case, mezzi di trasporto, alberi, ecc.) ed una cassetta di misure determiniate contenente sabbia; questo materiale viene utilizzato per costruire quadri da utilizzare come sogni tridimensionali; è un metodo di analisi che, con la produzione di immagini, si interseca con l'analisi verbale.

-
Docente
Francesco Montecchi
Durata Modulo
2h 00m
Modulo
10
L'uso della Mindfulness nella psicoterapia con i bambini | Roberta Rubbino

La Mindfulness non conosce età. Imparare a stare nel momento presente fin da bambini significa creare e riempire un vero e proprio serbatoio di conoscenze e abilità per il benessere psicologico e fisico, utile anche in età adulta. Scrigno di abilità per vivere una vita più felice ma anche strumento clinico di rinomata valenza scientifica. Inserire la Mindfulness nella pratica clinica con i bambini, sia in caso di disturbi dell’umore o del comportamento, significa quindi aiutare i bambini a riappropriarsi della loro freschezza e a rifiorire mediante la consapevolezza. Durante l’intervento si esporranno prima i principi teorici e le evidenze scientifiche dell’utilizzo delle pratiche di Mindfulness nel setting terapeutico con i più piccoli per poi esporre una panoramica circa l’uso delle meditazioni di consapevolezza in presenza di disturbo dell’umore, disturbo ossessivo compulsivo o disturbo del comportamento

-
Docente
Roberta Rubbino
Durata Modulo
2h 00m
Modulo
11
L'interiorizzazione del trauma familiare da parte del bambino e il suo trasferimento inconscio alla generazione successiva: Integrare la teoria delle relazioni oggettuali della personalità umana di Ronald Fairbairn | David Celani

Il Dr. David Celani esaminerà il lavoro seminale di W.R.D. Fairbairn sulla vulnerabilità del bambino al rifiuto dei genitori, rifiuto che può facilmente sopraffare il bambino/infante bisognoso e dipendente. Il bambino piccolo non può integrare le esperienze interpersonali tossiche che hanno origine dal comportamento noncurante dei suoi genitori, poiché questo sconvolge la struttura nascente del suo ego e, cosa altrettanto importante, può rompere il suo attaccamento essenziale a loro. La soluzione a questo problema è che il bambino usi la difesa dissociativa e forzi i ricordi di negligenza, indifferenza o abuso dei genitori nel suo inconscio. Questo permette al bambino cresciuto in una famiglia ostile o indifferente di creare l'illusione di essere in un ambiente sicuro e amorevole. - I ricordi dissociati di trascuratezza e abuso, insieme ai ricordi della reazione emotiva del bambino a questi eventi sono bloccati nel suo inconscio, dove si fondono e diventano immagini interne del sé in relazione al genitore. L'individuo può svilupparsi senza alcun ricordo cosciente dei traumi che ha vissuto nell'infanzia. Quando il bambino matura e ha figli propri, può proiettare la lunga relazione interna inconscia della sua infanzia, e vedere il proprio figlio come difettoso e senza valore come lo consideravano i suoi stessi genitori.

-
Docente
David Celani
Durata Modulo
2h 00m
Modulo
12
Quando la psicosi è di casa | Graziella Vizziello

Sulla base di un follow-up di famiglie in cui almeno uno dei due genitori era stato ricoverato, diagnosticato psicotico e curato in psichiatria e in seguito sul territorio insieme ai figli per 15 anni, sarà affrontato il tema di genitori rivelatisi psicotici dopo procreazione medicalmente assistita (PMA), adozione e/o nascita di un figlio gravemente prematuro.

-
Docente
Graziella Fava Vizziello
Durata Modulo
2h 00m
Modulo
13
Comprendere e aiutare i bambini traumatizzati | Kim Golding

In questa presentazione la dott.ssa Golding analizzerà il modo in cui il trauma evolutivo può influire sulla sicurezza e sulla fiducia dei bambini ed esplorerà un modello per sostenere questi bambini e le loro famiglie. La psicoterapia diadica dello sviluppo (DDP) è stata sviluppata da Dan Hughes come approccio per aiutare i bambini che hanno subìto un trauma all'interno della famiglia. Si tratta sia di una terapia che offre supporto terapeutico al bambino con il sostegno del genitore, sia di un modello per la genitorialità.  La genitorialità informata al DDP aiuta i genitori a connettersi emotivamente con i loro figli in modo da aumentare i sentimenti di sicurezza e protezione. 

La terapia e il modello genitoriale riconoscono che i bambini spesso temono la connessione emotiva. Li aiuta a superare queste paure e a guarire dai traumi del passato. Si basa sulla capacità di regolazione emotiva e di riflessione del terapeuta e dei genitori, in modo che possano adottare l'atteggiamento PACE (giocosità, accettazione, curiosità ed empatia) con i bambini. Questo atteggiamento contribuisce ad aumentare la sicurezza e nella genitorialità si combina con il supporto comportamentale.

La formazione fornirà una breve introduzione al modello DDP e alla sua applicazione come terapia e come modello per la genitorialità.

-
Docente
Kim Golding
Durata Modulo
2h 00m
Modulo
14
Comprendere ed intervenire col bambino secondo il modello della mentalizzazione | Laura Parolin

Il trattamento basato sulla mentalizzazione per bambini (MBT-C) è un intervento terapeutico time limited per la fascia d’età dai 6 ai 12 anni che coinvolge i piccoli pazienti e i loro genitori. Tale approccio integrato ha l’obiettivo di attivare e sostenere i processi di mentalizzazione, lavorando sulle capacità di autoregolazione dei bambini in modo da favorire il senso di agency. L’intervento non è specifico per una determinata psicopatologia, ma consigliato rispetto a varie tipologie di problemi internalizzanti ed esternalizzanti, come ad esempio depressione, ansia, difficoltà relazionali e comportamentali. Ad una prima fase di assesment volta ad identificare eventuali fallimenti o deficit di mentalizzazione, nonché il focus dell’intervento condiviso e co-costruito seguono 12 sedute in cui il bambino e i suoi genitori lavorano in parallelo. Il lavoro clinico con il bambino si avvantaggerà del gioco come strumento principale per favorire la resilienza e il potenziamento delle abilità di mentalizzazione.   

 

-
Docente
Laura Parolin
Durata Modulo
2h 00m
Modulo
15
Psicopatologia dell'attaccamento in età infantile | Grazia Attili

Molti dei disturbi che si presentano in età infantile sono l’esito della modalità di accudimento esperite già nei primi anni di vita.
Lì dove la figura di attaccamento principale, che per lo più è la madre, è stata sensibile e responsiva - ovvero in grado di riconoscere e rispondere con prontezza ai bisogni di conforto e di protezione - i piccoli esprimono e regolano le loro emozioni, in caso di pericolo, e mettono in atto i comportamenti più adeguati a produrre l’accostamento e la vicinanza della madre, all’ interno di un legame che viene detto sicuro.
Ma lì dove la madre non si mostra consona con i bisogni di protezione, i piccoli utilizzano strategie particolari per ottenere protezione. In particolare, se una madre si mostra imprevedibile, esprimono in maniera disregolata le loro emozioni, mostrano rabbia, cercano il contatto ma fanno resistenza ad esso e si mostrano inconsolabili, all’interno di un legame che viene detto ambivalente. Se una madre si mostra fredda e distaccata e scoraggia le richieste di conforto, il bambino cercherà di non esprimere e di sopprimere le sue emozioni e si mostrerà a disagio con l’intimità, all’interno di un legame che viene detto evitante. Se la figura di attaccamento è maltrattante o trascurante, emergeranno emozioni contraddittorie e una tendenza ad assentarsi dal contesto, all’interno di un legame che viene detto disorganizzato.
Queste strategie emotive e comportamentali possono essere considerate le risposte più adeguate al tipo di madre di cui si faccia esperienza. Ma lì dove la qualità delle cure sia stata particolarmente distorta esiteranno in disturbi, i quali possono essere considerati l’equivalente disfunzionale di quelle strategie che pur avevano successo con il tipo di figura di attaccamento dalla quale si sia stati allevati.
Come sostiene John Bowlby, i disturbi mentali e della condotta possono essere considerati disturbi dell’attaccamento.

-
Docente
Grazia Attili
Durata Modulo
2h 00m
Modulo
16
La psicosi in età infantile | Adele Ferro

La psicosi. Cos'è la psicosi e come si manifesta nell'età evolutiva. Fattori di rischio e vulnerabilità. Caratteristiche cliniche e neuropsicologiche delle psicosi e del rischio clinico di sviluppare psicosi, sintomi prodromici, individuazione precoce e trattamento.

-
Docente
Adele Ferro
Durata Modulo
2h 00m
Modulo
17
Valutazione e trattamento del disturbo da disregolazione dell'umore dirompente nei bambini (DMDD) | Sam Goldstein

Gli scoppi d'ira esplosivi e l'irritabilità persistente sono tra i sintomi più problematici nella salute mentale di bambini e adolescenti. Possono presentarsi come una caratteristica di molte malattie psichiatriche diverse. Ci sono state crescenti preoccupazioni negli ultimi trent'anni che i giovani con irritabilità cronica e scoppi d'ira vengano erroneamente diagnosticati come bipolari o con altri disturbi. Queste preoccupazioni hanno portato alla creazione di una nuova diagnosi per il DSM-5, il Disturbo da Disregolazione dell'Umore (DMDD) nel 2013. Lo sviluppo di questo disturbo è stato controverso. Questa presentazione esaminerà la storia, la ricerca, la valutazione, la comorbidità e il trattamento multidisciplinare del DMDD

-
Docente
Sam Goldstein
Durata Modulo
2h 00m
Modulo
18
Un approccio intersoggettivo all'identificazione proiettiva: Integrare la teoria kleiniana, la ricerca sull'osservazione infantile e la teoria del trauma | Stephen Seligman

L'"identificazione proiettiva" è un concetto sfuggente e un'esperienza sconcertante. Quando siamo nel mezzo di una tempesta emotiva con un paziente, ci sentiamo attratti da qualcosa di estraneo, non noi stessi, proveniente da qualcun altro o da qualche altro luogo. Ma cosa sta realmente accadendo? Come possiamo sapere cosa "appartiene" a noi e cosa viene dall'altra persona?
Questa conferenza si basa sull'osservazione diretta dell'interazione bambino-genitore per chiarire questo punto. Il dottor Seligman si avvicinerà all'"identificazione proiettiva" come una forma di relazione, co-costruita in un campo sociale-intrapsichico di influenza reciproca. Prendiamo una visione intersoggettiva, senza perdere di vista le precedenti origini kleiniane. Saranno mostrate e analizzate video vignette di bambini con i genitori per illustrare ed elaborare questo. La trasmissione intergenerazionale del trauma e le complessità dei diversi tipi di influenza sociale e psicologica saranno evidenziate.

-
Docente
Stephen Seligman
Durata Modulo
2h 00m
Docenti
Stefano Cirillo
Psicoterapeuta
Stefano Cirillo è psicologo, psicoterapeuta familiare. Nel 1982 assieme ad Anna Maria Sorrentino è stato chiamato da Mara Selvini Palazzoli a costituire con lei e con suo figlio Matteo una nuova équipe di terapia e di ricerca. Ha fondato con un gruppo di colleghi nel 1984 il Centro per il bambino… continua
Luigi Cancrini
Psichiatra
È uno psichiatra e psicoterapeuta di formazione psicoanalitica e sistemica. Ha fondato negli anni Settanta il Centro Studi di Terapia Familiare e Relazionale, una delle più importanti scuole di Psicoterapia in Italia, di cui è tuttora Presidente. La sua attività si è sviluppata inizialmente nel… continua
Giacomo Rizzolatti
Medico chirurgo
Giacom Rizzolatti si è laureato nel 1961 in Medicina e Chirurgia all'Università degli Studi di Padova, dove ha anche ottenuto nel 1964 la specializzazione in Neurologia. Dopo tre anni passati presso l'Istituto di Fisiologia dell'Università di Pisa, diretto da Giuseppe Moruzzi, nel 1967 è… continua
Patrizia Patrizi
Docente Universitario
Patrizia Patrizi è psicologa e psicoterapeuta, ordinaria di Psicologia giuridica e pratiche di giustizia riparativa presso il Dipartimento di Scienze umanistiche e sociali dell’Università di Sassari. È Delegata rettorale per il benessere lavorativo e Responsabile del Servizio d’Ateneo di counseling… continua
Lisa Berlin
Docente Universitario
Lisa J. Berlin, PhD, è professoressa alla University of Maryland School of Social Work. Il suo programma di ricerca multidisciplinare tocca i campi dello sviluppo umano, della psicologia, del lavoro sociale e della salute pubblica. I suoi studi si concentrano sull'attaccamento precoce bambino-… continua
Fabio Sbattella
Psicoterapeuta
Fabio Sbattella, psicologo e psicoterapeuta didatta, insegna Psicologia dell’emergenza e Psicologia clinica presso l’Università Cattolica di Milano. Responsabile dell’Unità di ricerca in psicologia dell’emergenza e assistenza umanitaria presso la stessa Università, è stato coordinatore di progetti… continua
Francesco Montecchi
Psicoterapeuta
Francesco Montecchi utilizza il gioco della sabbia nella sua attività di terapeuta; ha imparato questo metodo direttamente dalla sua ideatrice, l'allieva di Jung, Dora Kalff.. Già primario di NPI all’Ospedale Bambino Gesù di Roma e docente a.c. dell’Università La Sapienza. e di “Tor Vergata”.… continua
Roberta Rubbino
Psicoterapeuta
Psicoterapeuta cognitivo comportamentale, docente, supervisore presso l’Istituto A.T.Beck e responsabile dell’area dedicata all’età evolutiva “Beck for Kids”. Conduttrice di gruppi Mindfulness per pazienti oncologici (MBCT-CA) e di gruppi di Mindfulness per bambini attraverso il protocollo “Il… continua
David Celani
Psicologo
David Celani, Ph.D. si è laureato in psicologia clinica nel 1974 presso l'Università del Vermont e ha trascorso 26 anni nella pratica privata a Burlington e South Burlington, Vermont. È stato professore associato alla UVM dal 1977 al 1984. È stato docente associato nel programma di Master in… continua
Graziella Fava Vizziello
Docente Universitario
Graziella Fava Vizziello, neuropsichiatra infantile, è stata professore di Psicopatologia dello sviluppo alle Università di Padova e di Milano Bicocca, direttore del Master su Genitorialità e Sviluppo dell’Università di Padova, e vicepresidente dell’Associazione Europea di Psicopatologia del… continua
Laura Parolin
Psicoterapeuta
Laura Parolin è psicologa, psicodiagnosta, psicoterapeuta e dottore di ricerca. È Professore Ordinario presso l’Università degli Studi di Milano – Bicocca dove insegna Psicodiagnostica clinica ed è docente presso diverse Scuola di Specializzazione in Psicoterapia e Master post lauream. È Presidente… continua
Grazia Attili
Docente Universitario
Grazia Attili è Professore Ordinario e Direttore della Sezione di Ricerca “Sistemi Sociali, Strutture Mentali e Attaccamento” del Dipartimento di Scienze Sociali ed Economiche, Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione; è attualmente Professore Emerito di Psicologia Sociale presso  l… continua
Adele Ferro
Psicoterapeuta
Adele Ferro è Psicologa e psicoterapeuta ad indirizzo cognitivo-comportamentale presso la Fondazione IRCCS Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano. Dottore di Ricerca in Scienze Psicologiche e Psichiatriche, ha studiato l'anatomia del lobo parietale nel disturbo bipolare, all'esordio di… continua
Sam Goldstein
Psicologo
Sam Goldstein ha ottenuto il suo dottorato in School Psychology presso l'Università dello Utah ed è abilitato come psicologo e psicologo scolastico certificato nello stato dello Utah. È anche certificato come neuropsicologo pediatrico ed è iscritto al Consiglio del Registro Nazionale dei Fornitori… continua
Stephen Seligman
Docente Universitario
Stephen Seligman è professore clinico di psichiatria presso il Dipartimento di Psichiatria e Scienze Comportamentali della University of California (San Francisco) e presso il Postdoctoral Program in Psicoanalisi alla New York University. E’ formatore e supervisore analista presso il San Francisco… continua
Rebecca Shiner
Docente Universitario
Rebecca Shiner è Charles A. Dana Professor di Psicologia alla Colgate University, dove insegna dal 1999. Ha ricevuto il dottorato in psicologia clinica dall'Università del Minnesota. La sua ricerca si concentra sullo sviluppo della personalità nei bambini, negli adolescenti e nei giovani adulti,… continua
Kim Golding
Psicologa
Kim Golding, CBE, D. Clin. Psy., AFBPsS, è una Psicologa clinica che vive e lavora nel Regno Unito. Kim ha lavorato per 30 anni con bambini e famiglie nell'ambito del Servizio sanitario nazionale; si è sempre interessata alla genitorialità e alla collaborazione con i genitori o con chi si occupa di… continua
Iscrivendoti potrai
Partecipare alla diretta con la possibilità di interagire direttamente con i relatori
Vedere o rivedere l'evento in differita quando vorrai: rimarrà sulla tua area riservata per 12 mesi
Scaricare l'attestato di partecipazione

ISCRIZIONI

Early Booking
45 crediti ECM
per tutte le professioni sanitarie
Se ti iscrivi entro il 02 Ottobre 2022
217,00 €
Full Ticket
45 crediti ECM
per tutte le professioni sanitarie
Se ti iscrivi dal 03 Ottobre 2022 al 10 Ottobre 2022
289,00 €
La scadenza per ottenere gli ECM relativi a questo corso è il: 31 Dic 2022
Corso acquistabile entro il: 15 Dic 2023
Inoltre avrai accesso a:
Attestato di partecipazione
Attestato ECM
Tutte le professioni sanitarie
Test a risposta multipla
5 tentativi possibili

Acquistando il corso potrai:

  • ottenere 45 ECM 
    - per il triennio 2020-2022 se compili il questionario entro il 30/12/2022
    - per il triennio 2023-2025 se compili il questionario entro il 30/12/2023
  • acquistare l'intero convegno, per una formazione di 3 giorni + le Lectiones Magistralis
  • usufruire delle registrazioni dei seminari disponibili per 12 mesi sulla tua area riservata
  • scaricare tutti i materiali messi a disposizione dai docenti
  • ottenere l'attestato di partecipazione

Ti serve aiuto?

Troverai le registrazioni dei seminari entro pochi giorni nella tua area riservata.
Le registrazioni sono disponibili per 12 mesi.
Gli interventi in lingua straniera saranno disponibili sia in lingua originale, sia con la traduzione montata.

Il test ecm sarà disponibile dalla fine del corso fino alla data di scadenza indicata nella tua area riservata.
Dopo tale data non sarà più possibile ottenere gli ecm.