Corso On Demand

Luoghi e Ricordi del Trauma. Giornata della memoria

Psicotraumatologia

“E’ avvenuto, quindi può accadere di nuovo: questo è il nocciolo di quanto abbiamo da dire”
(Primo Levi, I sommersi e i salvati)

Il Giorno della Memoria commemora lo sterminio nazista del popolo ebraico. La persecuzione nazifascista provocò una ferita traumatica in tutti i settori della società – famiglia, luoghi di lavoro, città, cultura scienza - oltre ad una propagazione post-traumatica in tutte le età e lungo le generazioni.

In occasione della Giornata, TraumaLivingLab, con il Patrocinio della SISST, organizza un evento gratuito per riflettere sull’Olocausto e su altri genocidi più recenti ospitando interventi che propongono narrazioni dei traumi collettivi da prospettive diverse.

 

Chair Person 

Vittoria Ardino Direttrice Scientifica Trauma Living Lab

Alessandro Lombardo Coordinatore Didattico Trauma Living Lab e CEO Psicologia.io

Intervengono

Prof. Amit Shrira, Ph.D., Bar-Ilan University, IsraeleGli effetti multigenerazionali del trauma generato dall’Olocausto: Vulnerabilità, Resilienza

Dr. Chantal Mudahogora, Canada and Rwanda | Il trauma nelle generazioni rwandesi dopo il Genocidio del 1994

Prof.ssa Patrizia Violi, Università di BolognaMemoria e oblio: quale futuro per i siti di memoria traumatica?

Dott.ssa Elena Acquarini, Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”, SISSTMemoria futura e resilienza narrativa nella pandemia

Chrystal Ding, United Kingdom | "Yours is going to be healed as well" (Anche tu potrai sanare le tue ferite)

Metodologia didattica

Convegno internazionale in occasione della Giornata della Memoria

Docenti
Trauma Living Lab
Altro
Trauma Living Lab è un think tank che promuove Formazione, Ricerca e Condivisione di saperi multidisciplinari nell’ambito del trauma psicologico. Un laboratorio in “divenire” dove la conoscenza si co-costruisce con e attraverso i professionisti e le persone che sono a contatto con il trauma e le sue conseguenze Visita il nostro sito: www.traumalivinglab.org   La nostra Faculty     La… continua
SISST Società Italiana per lo Studio dello Stress Traumatico
Associazione
La Società Italiana per lo Studio dello Stress Traumatico (SISST) è la prima società scientifica italiana – fondata nel 2010 – nata per promuovere lo studio e l’intervento Trauma Orientato negli individui e nelle organizzazioni in un ottica multidisciplinare. La SISST è member society della European Society for Traumatic Stress Studies (ESTSS), una società ombrello a cui afferiscono ormai… continua
Vittoria Ardino
Docente Universitario
Presidente della Società Italiana per lo Studio dello Stress Traumatico e docente di Psicologia delle Emergenze e del Trauma all’Università di Urbino, si è formata alla psicotraumatologia in Canada e in Inghilterra dove ha insegnato psicologia forense e psicologia clinica alla London Metropolitan University dirigendo il Master in Psicologia Forense accreditato dalla British Psychological Society… continua
Alessandro Lombardo
Psicoterapeuta
Mi occupo di psicologia, psicoterapia, consulenza e formazione. Laureato in psicologia e specializzato in psicoterapia. Appassionato di innovazione, di nuove tecnologie, di sport. Marito di Claudia, e padre di Maya e Sole. Ho molte passioni, una su tutte, il rugby, un vero sport di squadra. Amo le novità, il cambiamento, le sfide. Mi piace connettere, conoscere, creare. Da molti anni svolgo… continua
Amit Shrira
Docente Universitario
Amit Shrira è professore ordinario di psicologia clinica alla Bar-Ilan University, in Israele. La sua ricerca si è focalizzata sugli effetti dei traumi collettivi e sulla trasmissione intergenerazionale delle esperienze traumatiche. Ha scritto numerosi articoli scientifici e libri sul trauma dell’Olocausto nelle nuove generazioni arrivando, inoltre, ad occuparsi, negli ultimi anni, degli effetti… continua
Chantal Mudahogora
Psicoterapeuta
Chantal Mudahogora è una psicoterapeuta rwandese sopravvissuta al genocidio del Rwanda. Dopo il genocidio si è trasferita in Canada, oggi, in procinto di ritornare nel suo Paese. Ha collaborato al progetto di ricerca con Amit Shrira nella ricerca sugli effetti post-traumatici nelle nuove generazioni rwandesi. Ha ricevuto diversi riconoscimenti per il suo sostegno alle comunità Rwandese
Patrizia Violi
Docente Universitario
Patrizia Violi è una linguista e semiologa italiana che ha collaborato con Umberto Eco. Professore ordinario di Semiotica all'Università di Bologna, fa parte della redazione della rivista "Versus", per la quale ha curato diversi numeri monografici. È stata direttore della Scuola Superiore di Studi Umanistici e ha diretto il Centro di Studi Semiotici e Cognitivi dell'Università di San Marino.… continua
Elena Acquarini
Psicoterapeuta
Psicologa psicoterapeuta, Ph.D. e ricercatrice TI in Psicologia clinica presso il Dipartimento di Scienze della Comunicazione, Studi Umanistici ed Internazionali (DISCUI) dell’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo” dove è docente presso i corsi di laurea in Psicologia di Metodi e tecniche in psicodiagnosi e Psicodiagnostica dinamico clinica. È membro del CIRTA (Interdepartmental Centre for… continua
Chrystal Ding
Altro
Chrystal Ding è un’artista appassionata di ricerca. Usa la fotografia, la scrittura, archivi, dati scientifici per esplorare l’impatto del passato (esperienze traumatiche) e del futuro (la digitalizzazione) sull’identità. Figlia di ricercatori e migrante, il suo lavoro si concentra sull’intersezione tra scienza, cultura e individuo; ha collaborato con universitari, ingegneri, psicologi e ONG. Dal… continua
Programma
1
Modulo
Amit Shrira | Gli effetti multigenerazionali del trauma generato dall’Olocausto: Vulnerabilità, Resilienza

Le conseguenze a lungo termine dell’Olocausto sono intrinsecamente multigenerazionali. I sopravvissuti, al crepuscolo della loro esistenza, i figli che invecchiano e il raggiungimento della maturità dei nipoti si riflettono in un cambiamento di ruoli e scambi interattivi nel sistema familiare; tali cambiamenti si strutturano in modo peculiare nelle famiglie di sopravvissuti all’Olocausto.

La presentazione esplora gli effetti del trauma dell’Olocausto sul funzionamento psicologico e fisico lungo in ogni generazione tenendo anche conto delle tappe evolutive in cui si trova ogni generazione. Si sottolineerà la dialettica tra i sopravvissuti più anziani e i loro discendenti adulti, esplorando le zone di intersezione tra vulnerabilità e resilienza.

Nonostante la maggioranza dei sopravvissuti e i loro discendenti presentino un buon funzionamento, in alcune famiglie si riscontrano delle vulnerabilità causate da fattori diversi e da scenari specifici. La mia ricerca, e studi condotti da altri, sostiene l’importanza di un modello multidisciplinare e integrato che evidenzi “chi”, “come” e “quando” avviene la trasmissione intergenerazionale dell’Olocausto.

Secondo il modello, l’esposizione traumatica dei sopravvissuti si riverbera sulla salute dei discendenti come esito di determinanti psicologiche (per esempio, PTSD genitoriale, traumatizzazione secondaria), comportamentali (le interazioni diadiche genitore-bambino, lo stile di vita), e biologiche (modificazioni epigenetiche, regolazioni neuroendocrine).

Inoltre, il modello tiene conto di quelle circostanze potenziali in cui gli effetti intergenerazionali si intensificano, cioè, di situazioni sfavorevoli specifiche. Il modello proposto rappresenta una piattaforma da cui partire per riflessioni teoriche, di ricerca, e di intervento non solo con le famiglie dei sopravvissuti all’Olocausto, ma anche con altre famiglie che devono affrontare traumi antichi vissuti dalle generazioni passate.

Mer 27 Gennaio 2021, 16:00 - 17:00
Relatore
Amit
Shrira
Durata Modulo
1 ora
2
Modulo
Chantal Mudahogora | Il trauma nelle generazioni rwandesi dopo il Genocidio del 1994

Sono passati 25 anni dal genocidio contro l’etnia Rwandese dei Tutsi che ha comportato la morte un milione di persone. I discendenti dei sopravvissuti, che non erano a quell’epoca nati, sono tra quelli che hanno maggiormente subito gli effetti dal trauma vissuto dalle generazioni precedenti.

Questo è emerso da una ricerca che ha esplorato gli effetti post-traumatici sia nei sopravvissuti sia nelle generazioni più giovani. Nella presentazione verrà illustrate la ricerca e l’esperienza di Chantal Mudahogora come sopravvissuta al genocidio e rifugiata in Canada.

Mer 27 Gennaio 2021, 17:00 - 17:30
Relatore
Chantal
Mudahogora
Durata Modulo
30 minuti
3
Modulo
Patrizia Violi | Memoria e oblio: quale futuro per i siti di memoria traumatica?

L'intervento intende interrogarsi sul senso che hanno oggi i siti della memoria traumatica e sui possibili rischi insiti in un loro processo di musealizzazione e sacralizzazione. In particolare, in riferimento ai luoghi classici della memoria della Shoah, ma non soltanto, si rifletterà sulle varie possibili pratiche che possano rivitalizzare questi luoghi.

Nonostante la loro indubbia importanza storica e sociale, non sempre infatti essi riescono, di per sé, a comunicare il loro senso, specie nei confronti delle nuove generazioni che non conoscono per esperienza diretta i traumi lì avvenuti. Oggi, tuttavia, cominciano a moltiplicarsi esempi di pratiche di vario genere che possono aiutarci nel difficile compito non solo di trasmettere una memoria passata, ma anche, e soprattutto, di costruire una memoria viva e proiettata anche nel futuro. 

Mer 27 Gennaio 2021, 18:00 - 19:00
Relatore
Patrizia
Violi
Durata Modulo
1 ora
4
Modulo
Elena Acquarini | Memoria futura e resilienza narrativa nella pandemia

Il progetto “Resistenza narrativa: Chiamateci Ismaele”, ideato da Elena Acquarini e da Alessandra Calanchi, richiama Moby Dick il cui incipit - Chiamatemi Ismaele - riguarda il narratore e unico sopravvissuto spostando, però, l’importanza sulla narrazione collettiva come strumento per dare condivisibilità all’incubo, alla paura, al cambiamento radicale che la pandemia ha imposto al nostro tessuto sociale gettando potenzialmente le basi per una futura memoria traumatica delle generazioni che stanno vivendo le varie fasi dello stress pandemico e di quelle che verranno.

Narrare è un atto sociale che può diventare veicolo di sostegno e cura attraverso la mobilitazione delle risorse simboliche che ognuno ha maturato e preferito nel tempo. Alcuni modelli di intervento psico-sociale usano le narrazioni come strumento di cura delle esperienze stressanti/traumatiche come telaio (ri)organizzante delle memorie frammentate o sfilacciate dal sovraccarico emotivo.

Ciascun simbolo condiviso può contenere un significato ed una emozione prevalentemente individuali. In questo nostro tempo abbiamo registrato una grande necessità di condivisione e sappiamo - dalla letteratura scientifica - quanto sia importante acquisire consapevolezza delle emozioni e dei vissuti complessi in situazioni di stress per canalizzarli anche in una produzione simbolica narrativa.

Mer 27 Gennaio 2021, 19:00 - 20:00
Relatore
Elena
Acquarini
Durata Modulo
1 ora
5
Modulo
Chrystal Ding | “Yours is going to be healed as well” (Anche tu potrai sanare le tue ferite)

Sono un’artista che si fa guidare dalla ricerca, una scrittrice e una paziente che, come tanti, ha guardato alla propria vita attraverso le lenti del trauma. L’arte è il mio veicolo di contatto con il mondo, il modo di esplorare la mia realtà in connessione con l’esterno attraverso le immagini e la scrittura. In questa presentazione racconto la mia esperienza artistica vissuta in Rwanda nata dall’esigenza di raccontare che cosa capita dopo alle persone che hanno vissuto un trauma di quel tipo, cosa che, senza un interesse politico, non occupa le notizie dei media. Eppure, determina l’identità delle persone nel tempo.

Da qui il motore del Progetto che presento oggi e che si è basato sugli interrogativi: “Che cosa è successo ai bambini sopravvissuti al genocidio? Come è stata la loro vita in questi 25 anni?". Non ho voluto essere la loro voce, piuttosto il veicolo delle loro storie e, allo stesso tempo, avevo il desiderio di dare un volto alla loro storia, di usare la fotografia per rendere umani i sopravvissuti.

Volevo che le mie fotografie fossero segno di rispetto e ammirazione per la popolazione: fotografie di sopravvissuti e non di vittime. Racconti di sopravvissuti e non di vittime. Da qui nasce: “Yours is Going to Be Healed As Well”, una raccolta di storie dei sopravvissuti al Genocidio Rwandese nate durante gli incontri di counselling di gruppo coordinati da SURF (Survivors Fund). Il titolo del Progetto è una frase tratta dalla testimonianza in una seduta di counselling: “Dovrai andare in ospedale per un problema di salute, ma dopo aver sentito le storie di altri che hanno avuto lo stesso problema senti che anche tu guarirai”

Mer 27 Gennaio 2021, 20:30 - 21:30
Relatore
Chrystal
Ding
Durata Modulo
1 ora

ISCRIZIONI
Registrati al Corso On Demand gratuito

Materiale didattico:
video

Iscrivendoti potrai:

scaricare i materiali messi a disposizione dai docenti

vedere le registrazioni del seminario, disponibili sulla tua area riservata per 12 mesi, comprese di traduzione