Corso On Demand

Il corpo in psicoterapia

Psicoterapia
10 crediti ECM per medicieducatoripsicologi

CORSO ON DEMAND
Acquistando il corso, trovi i materiali già presenti sulla tua area riservata.

Il corpo in psicoterapia

Direzione scientifica a cura di Vincenzo Caretti e Alessandro Lombardo.

Tredici seminari per approfondire, da diversi vertici teorici e applicativi, la dimensione corporale e psicosomatica della psicoterapia. Concetti chiave, al centro della riflessione scientifica e applicativa nelle neuroscienze (ci riferiamo all'embodied cognition) sono applicati a tematiche attuali della psicologia, quali l’esperienza del Sé, l’intersoggettività, la percezione e il pensiero di oggetti, l’arte e la creatività, le immagini mentali. Lo scopo è quello di sottolineare la possibilità di una psicoterapia che ponga al centro della riflessione e della ricerca sperimentale la corporeità, aprendo nuovi e diversi orizzonti per comprendere la mente.

27 ore di Training

14 Relatori

10 ECM
 

La scadenza per ottenere gli ECM relativi a questo corso è il 03/03/2022.
Ti ricordiamo dunque di inserire tutti i tuoi dati corretti sul tuo profilo e di compilare il questionario.
Per accedere, clicca sul tuo nome in alto a destra e vai su

  • Modifica Profilo per inserire i tuoi dati corretti, necessari per ottenere i crediti
  • I miei corsi --> Vai al corso --> scorri fino al tasto Accedi al test ECM

Hai 5 tentativi a disposizione e dopo averlo superato ti arriverà l'attestato direttamente via mail.
Per qualsiasi chiarimento o difficoltà, scrivi ad assistenza@psicologia.io

 

Docenti
Clara Mucci
Docente Universitario
Clara Mucci è Professore Ordinario di Psicologia Clinica presso l’Università di Bergamo dove è stata per anni Professore Ordinario di Letteratura inglese e teatro shakespeariano. Psicoterapeuta a orientamento psicoanalitico e docente presso la SIPP di Milano (Società Italiana Psicoterapia Psicoanalitica), analista didatta e supervisore per la Società Italiana di Psicoanalisi e di Psicoterapia… continua
Franco Baldoni
Psichiatra
MD, PhD, Medico specialista in Psicologia Medica, dottore di ricerca in Psicologia Clinica, psicoanalista, psicoterapeuta, Professore Associato in Psicologia Clinica, docente di Metodologia Clinica presso il Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica della Scuola di Psicologia e Scienze della Formazione e di Psicosomatica presso le Scuole di Specializzazione in Psicologia Clinica e in… continua
Gianni Francesetti
Psichiatra
Gianni Francesetti, psichiatra e psicoterapeuta della Gestalt,  didatta e supervisore internazionale, ha pubblicato alcuni testi fondamentali sull’approccio fenomenologico-gestaltico alla psicopatologia e alla clinica. E’ docente incaricato dell’insegnamento ‘Il modello fenomenologico esistenziale e la sua applicazione in ambito clinico’ presso il Dipartimento di Psicologia dell’Università di… continua
Paolo Bertrando
Psicoterapeuta
Paolo Bertrando psichiatra e psicoterapeuta, si è laureato in Medicina e specializzato in Psichiatria all’Università di Milano. Si è specializzato in Psicoterapia sistemico-relazionale con Luigi Boscolo e Gianfranco Cecchin, quindi è stato docente del Centro Milanese di Terapia della Famiglia fino al 2012. È autore di diversi libri e pubblicazioni scientifiche, a partire da I tempi del tempo (… continua
Claudia Lini
Psicoterapeuta
Claudia Lini psicologa e psicoterapeuta, si è laureata in Psicologia all’Università di Torino e specializzata in Psicoterapia sistemico-relazionale nella sede di Torino del Centro Milanese di Terapia della Famiglia. Ha lavorato a lungo nell’assistenza agli anziani e sulle questioni di genere in terapia. Paolo Bertrando e Claudia Lini hanno fondato insieme la Scuola di Psicoterapia Sistemico-… continua
Luigi Dotti
Psicoterapeuta
Psicologo psicoterapeuta e regista di  psicodrammi e Playback Theatre; socio fondatore di  AIPsiM (ass. Italiana Psicodrammatisti Moreniani), membro dell’International Association of Group Psychotherapy and Group Processes,  docente e didatta presso la scuole di specializzazione di psicoterapia psicodrammatica riconosciute dal MIUR di Milano e Brescia  e docente al Master in Artiterapie… continua
Patrizia Moselli
Psicoterapeuta
Psicologa, psicoterapeuta. Presidente della Siab (Società Italiana di Analisi Bioenergetica), membro della Faculty e del Board of Trustees dell’Iiba (International Institute for Bioenergetic Analysis), Past President della Fiap (Federazione Italiana Associazioni di Psicoterapia), Tesoriere della Sipsic (Società Italiana di Psicoterapia). Formata e senior trainer anche nell’approccio centrato… continua
Piero Porcelli
Psicoterapeuta
Piero Porcelli, psicologo, psicoterapeuta, professore ordinario di Psicologia Clinica presso l’Università G.d’Annunzio di Chieti-Pescara. I principali interessi di ricerca sono la medicina psicosomatica, l’assessment di personalità e la psicoterapia integrata, con particolare riferimento al costrutto di alexithymia. E’ autore di numerose pubblicazioni su questi temi in riviste internazionali peer… continua
Riccardo Musacchi
Psicoterapeuta
Riccardo Musacchi. Psicologo, psicoterapeuta con formazione in psicoterapie brevi, in psicoterapia Biosistemica e in EMDR. Insegna l’uso creativo degli oggetti in psicoterapia dal 2003 e Fototerapia Psicocorporea dal 2006. Formatore e supervisore in psicoterapia corporea e Fototerapia Psicocorporea in vari istituti in Italia e all’estero. Socio fondatore, direttore e docente dell’Istituto di… continua
Vincenzo Caretti
Psicoterapeuta
Psicologo clinico, psicoanalista, è professore ordinario di psicologia dinamica presso la LUMSA di Roma. È socio fondatore e membro di varie società scientifiche ed è autore di numerosi contributi scientifici, incluse diverse validazioni e standardizzazioni di test psicometrici.
Niccolò Cattich
Medico chirurgo
Medico, specialista in Neurologia, Psichiatra e Analista della Società Italiana di Psicologia Individuale, Responsabile del Centro di Salute Mentale di Borgosesia e Gattinara dell’ASl di Vercelli. Didatta e docente presso la Scuola per Psicoterapeuti S.A.I.G.A. di Torino dove riveste anche il ruolo di responsabile delle attività di formazione in tecniche analogiche. Formato in musicoterapia con… continua
Francesca Maria Salerno
Psicologa
Laurea Triennale in e Tecniche Psicologiche, Specialistica in Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni. Iscrizione Albo Psicologi Lazio 2009. Tirocinio e formazione in ambito aziendale in HR. Ha condotto un anno di studi in scuola di psicoterapia psicodinamica e tirocinio in pronto soccorso psichiatrico. Formazione istruttrice di pratiche mindfulness e protocolli per la riduzione dello stress… continua
Giuseppe Craparo
Docente Universitario
Giuseppe Craparo è dottore di ricerca in Psicologia, psicoterapeuta, psicoanalista e docente di Psicologia clinica presso la facoltà di Scienze dell’uomo e della società dell’Università “Kore” di Enna. È inoltre socio fondatore della Società italiana di psicodiagnostica clinica (SIPDC), membro ordinario dell’American Psychological Association (APA) e dell’Associazione italiana di psicologia (AIP… continua
Deb Dana
Psicoterapeuta
Deb Dana, LCSW è una clinica e consulente specializzata nel lavoro con traumi complessi. È consulente del Traumatic Stress Research Consortium presso il Kinsey Institute e consulente clinico delle cliniche Khiron.Ha sviluppato la Rhythm of Regulation Clinical Training Series e tiene conferenze a livello internazionale sui modi in cui la teoria polivagale informa il lavoro con i sopravvissuti a… continua
Programma
1
Modulo
Clara MUCCI | Testimonianza incarnata e attacchi al corpo

In questo incontro Clara mucci spiegherà come, lavorando con un metodo integrato che metta insieme neurobiologia interpersonale, neuroscienze affettive, attaccamento e teorie dinamiche psicoanalitiche, si possa stabilire una comunicazione implicita duale e relazionale in cui possono essere modulate le aree disfunzionali tra corpo-mente e cervello (ricordando che anche il cervello è corpo).

Questa modalità complessa di Interrelazione particolarmente efficace ai margini della disregolazione affettiva di origine traumatica (che si esprime nelle somatizzazioni e come attacchi al corpo, tagli, disturbi alimentari, suicidalità, abuso di alcool e sostanze, oltre che diffusione di identità sessuale) viene dall’autrice definita “testimonianza incarnata”, in cui il terapeuta interagisce offrendo non solo e non tanto  il rispecchiamento degli stati emotivi interni ma anche la possibilità di una riconnessione profonda degli stati dissociati e scissi, grazie alla sua partecipazione affettiva ed etica.

Gio 25 Febbraio 2021, 9:00 - 11:00
Relatore
Clara
Mucci
Durata Modulo
2 ore
2
Modulo
Franco BALDONI | Mentalizzazione e integrazione psicosomatica in psicoterapia: un rapporto complesso

I processi di mentalizzazione permettono una rappresentazione psicologica delle emozioni (compresi gli stati somatici correlati) e risultano fondamentali per la regolazione psicofisiologica dell’organismo e nella gestione dello stress.

In tutte le vicissitudini della vita che possono assumere un valore psicologico traumatico le funzioni riflessive sono compromesse. Le ricerche hanno evidenziato che in questi casi possono manifestarsi disturbi somatici e alterazioni del comportamento di malattia (preoccupazioni ipocondriache, disturbi di somatizzazione, sindromi mediche funzionali), una maggiore suscettibilità alle patologie fisiche o psichiche, oltre che agiti conseguenti alla disregolazione emotiva, al mancato controllo degli impulsi (condotte aggressive o violente, attacchi di panico) e a disturbi dissociativi (amnesie, fughe, depersonalizzazione) atti a proteggere dalle conseguenze traumatiche della tensione mentale.

Le persone che presentano difficoltà riflessive (come i soggetti definiti alessitimici) tendono ad attuare in modo compulsivo comportamenti disadattivi nel tentativo di regolare e controllare le emozioni disturbanti (come fumare, bere, assumere farmaci o droghe, utilizzo compulsivo di socialnetwork e internet). La tendenza a ricorrere a questi “regolatori esterni delle emozioni” espone a dipendenze patologiche e comporta una maggiore vulnerabilità dei confronti di disturbi psichici e somatici.

Specifiche tecniche psicoterapeutiche basate sull'attaccamento e sul costrutto di mentalizzazione sono state utilizzate nella cura di diversi disturbi dell’adulto (PTSD, disturbi affettivi, disturbi di personalità) e per modificare i pattern disfunzionali di attaccamento tra genitori e bambini. Negli ultimi anni sono state svolte ricerche controllate sull'efficacy e sull'effectiveness delle psicoterapie e condotte metanalisi che hanno evidenziato l’importanza della mentalizzazione, e della comunicazione emotiva non verbale in psicoterapia e la loro associazione con la qualità della working alliance e gli outcome dei trattamenti.

 

Gio 25 Febbraio 2021, 11:00 - 13:00
Relatore
Franco
Baldoni
Durata Modulo
2 ore
3
Modulo
Gianni FRANCESETTI | Corpi nei buchi neri. L’esperienza depressiva in una prospettiva fenomenologico-gestaltica.

Il corpo è il sensore privilegiato della sofferenza psicopatologica. E' lo strumento diagnostico che coglie il paesaggio psicopatologico in cui si viene sbalzati nella relazione terapeutica. Con il paziente depresso il corpo diventa pesante, i sensi si ottundono, la luce declina, il tempo rallenta, lo spazio si dilata, l’energia svanisce, l’atmosfera si fa cupa.

Ma il corpo non è solo un’antenna. E’ anche il crogiuolo della trasformazione clinica: il corpo del terapeuta è la carne che può accogliere quanto dissociato e non formulato nell’esperienza del paziente. Chi attraversa un’esperienza depressiva ci porta in territori estremi dove i vissuti corporei sono difficili da tollerare.

Quali rischi e quali trappole insidiano questo viaggio? In che modo modulare la propria presenza corporea in questo incontro? Come non cadere nell’abisso e neppure fuggire? Insomma, come custodire la luce in un buco nero?

Gio 25 Febbraio 2021, 13:00 - 15:00
Relatore
Gianni
Francesetti
Durata Modulo
2 ore
4
Modulo
Vincenzo CARETTI | Il Trauma e il Corpo

Coming soon

Gio 25 Febbraio 2021, 15:00 - 17:00
Relatore
Vincenzo
Caretti
Durata Modulo
2 ore
5
Modulo
Patrizia MOSELLI | Dolore e piacere nella crescita umana. Il cambiamento in analisi bioenergetica

La relazione si focalizzerà su due aspetti fondamentali dell’analisi bioenergetica:

- il dolore, che in genere rimane inscritto nella memoria implicita dell’individuo e che è alla base della formazione caratteriale

- il piacere, che rappresenta invece la possibilità dell’individuo di lasciarsi guidare per ritrovare la propria vitalità come orientamento alla vita.

Rifletteremo su come questi due aspetti interagiscono nella psicoterapia e come l’analista bioenergetico, partendo dal corpo e dalle sue memorie implicite, può trasformarli in importanti agenti di cambiamento.

Ven 26 Febbraio 2021, 9:00 - 11:00
Relatore
Patrizia
Moselli
Durata Modulo
2 ore
6
Modulo
Piero PORCELLI | Neuroscienze affettive e psicosomatica: from bench to bedside.

Le neuroscienze affettive stanno gradualmente modificando il modo di concepire i fenomeni clinici tanto nel campo della psicopatologia quanto in quello della biomedicina. Esse si occupano dello studio del funzionamento del sistema nervoso centrale sottostante la manifestazione di stati emotivi e affettivi (connessioni all’interno del cervello) e delle relazioni fra cervello e altri sistemi biologici correlati con le emozioni, come il sistema endocrino, immunitario ed epigenetico. L’ambito della psicosomatica ha sovrapposizioni parziali e, sotto certi aspetti, sostanziali con le neuroscienze affettive in quanto si occupa del ruolo dei fattori biopsicosociali nella vulnerabilità individuale verso le malattie e nel decorso delle malattie stesse.

Non riguarda quindi l’oggetto (ossia il tipo di malattia o il motivo dell’invio in psicoterapia, generalmente basato su un criterio ex-negativo di non plausibilità biologica della sindrome riportata: medically unexplained versus explained somatic syndromes) ma l’approccio al paziente. Il punto di convergenza di neuroscienze affettive e psicosomatica può esser individuato nel modo di considerare le emozioni come due facce di una stessa medaglia.

Una è costituita dall’aspetto biologico, autonomico e motorio delle emotions, largamente dominato dai sistemi neurali hard-wired e dalle connessioni fra sistema nervoso e sistemi biologici. L’altra faccia è costituita dall’aspetto vissuto, soggettivo e cognitivo dei feelings, largamente determinato da fattori di personalità, autobiografici, culturali e psicosociali. Il rapporto fra queste due facce, pur consustanziale, non è sempre lineare e numerosi modelli teorici provano a render conto delle difficoltà di associazione fra emotions e feelings.

Un aspetto senza dubbio controverso e complesso del rapporto fra neuroscienze affettive e psicosomatica è la difficoltà di traslare le conoscenze neuroscientifiche “di laboratorio” in modelli operativi di pratica clinica. Un esempio di come il sistema affettivo complessivo giochi un ruolo determinante all’interno delle relazioni interpersonali (attuali e rappresentate simbolicamente) può esser individuato nel fenomeno della paura e, in particolare, della paura di malattia paventata (come nell’ipocondria) o attuale (come nel paziente oncologico).

Verranno esaminati casi clinici di trattamento psicoterapeutico di lungo e breve periodo come tentativi di coniugare conoscenze neuroscientifiche e pratica clinica psicoterapica.

Ven 26 Febbraio 2021, 11:00 - 13:00
Relatore
Piero
Porcelli
Durata Modulo
2 ore
7
Modulo
Riccardo MUSACCHI | La Fototerapia Psicocorporea nel lavoro clinico

La Fototerapia Psicocorporea si avvale dell'uso delle fotografie o delle immagini con il lavoro di connessione a livello corporeo: le fotografie permettono a ricordi e sensazioni di affiorare alla consapevolezza e il lavoro terapeutico con il corpo permette di elaborare al meglio i vissuti emersi dalle immagini.

L'assunto di fondo, che deriva dagli ultimi studi neuroscientifici, è che la nostra esistenza è inevitabilmente "incarnata": noi siamo corpo. Davanti alle immagini il nostro corpo reagisce, aumenta o blocca il respiro, diventa teso, impallidisce o arrossisce, distoglie lo sguardo. La relazione terapeutica aiuta con estremo rispetto il paziente a stare in contatto con queste modificazioni e lo guida nella loro esplorazione, affinché queste reazioni si trasformino in comunicazioni importanti.

Le foto diventano uno strumento per stimolare dialoghi interni più profondi e consentire un'espressione più libera e spontanea di sé.

Ven 26 Febbraio 2021, 13:00 - 15:00
Relatore
Riccardo
Musacchi
Durata Modulo
2 ore
8
Modulo
Paolo BERTRANDO, Claudia LINI | Corpo, genere età: La presenza fisica e la terapia sistemico-dialogica

Il corpo è il punto di partenza di ogni terapia, anche se di rado ci facciamo caso.

Eppure è quanto incontriamo per prima cosa quando la terapia inizia. Ma non è “il” corpo che entra interagiva: è “questo corpo”, il corpo di ogni singolo terapeuta e paziente. E il corpo interagisce molto prima che noi ce ne rendiamo conto. Si tratta allora, per i terapeuti, di acquisire coscienza del proprio corpo e di tutto quello che porta con sé, e insieme di diventare più coscienti di come siamo influenzati dal corpo (dai corpi) dei nostri pazienti.

Spesso la considerazione del corpo in terapia passa attraverso tecniche più o meno specifiche e deliberate. Noi preferiamo invece incoraggiare i terapeuti ad aumentare la propria consapevolezza di sé e dell’altro, nella convinzione che questo consenta di per sé una migliore attività terapeutica, e una maggior efficacia degli interventi.

In questo intervento vogliamo proporre un modo di lavorare sulla persona fisica del terapeuta che prenda in considerazione le coordinate più importanti che entrano in gioco nella terapia: il corpo e la presenza, il genere e l’età. Proporremo riflessioni e possibilità di lavoro concreto per attualizzare, rendere più consapevoli e utilizzare queste dimensioni nel dialogo terapeutico con diverse tipologie di pazienti e diversi setting (terapia individuale, di coppia e di famiglia).

Ven 26 Febbraio 2021, 15:00 - 17:00
Relatore
Paolo
Bertrando
Claudia
Lini
Durata Modulo
2 ore
9
Modulo
Niccolò CATTICH | Il corpo in risonanza. Dalla sensazione analogica alla rappresentazione simbolica

Nei percorsi di psicoterapia si assiste spesso all'incontro con un muro invisibile, con l'indicibile, in forma di silenzio, arresto, fino al drop-out.

Il linguaggio sonoro-musicale, attraverso la risonanza fisiologica che implica sul Sè Corporeo, può essere proposto come occasione di espressione alternativa per il mondo interiore del paziente, che si scopre in grado di dire - spesso in modo sorprendente e incoraggiante - ciò che ha sentito suonare e risuonare attraverso l'ascolto musicale condiviso nel setting terapeutico.

Ven 26 Febbraio 2021, 17:00 - 19:00
Relatore
Niccolò
Cattich
Durata Modulo
2 ore
10
Modulo
Luigi DOTTI | Il corpo in azione sulla scena, tra cura e gruppo

Laboratorio didattico di psicosociodramma

Se la vita non esaminata non è degna di essere vissuta, la vita non vissuta non vale la pena di esaminarla (Zerka Toeman Moreno) 

Psicodramma (da psiché = anima, soffio vitale; drao =  agire, prendersi cura, servire qualcuno; drama = azione, azione teatrale),  indica quel metodo professionale che consente di conoscere ed esplorare la realtà psichica e le relazioni attraverso l’azione, la scena teatrale e gli atti di servizio delle persone del  gruppo.

Il laboratorio di psicosociodramma prevede una prima parte esperienziale con la struttura e la modalità dello psicodramma classico o moreniano (warm up: attivazione psicodrammatica dei singolo e del gruppo), azione scenica (focalizzata su tematiche o scene proposte dal singolo o dal gruppo), sharing; e una parte riflessiva/didattica di presentazione e discussione sul tema e la funzione del corpo in azione nello psicodramma.

Parole chiave: Gruppo (sguardo consapevole e cura attraverso il gruppo); Corpo (espressione, movimento); Scena (esternalizzazione, concretizzazione, simbolizzazione, trasformazione); atto di servizio (“ogni essere umano può essere umano può essere agente di terapia per un altro essere umano” – J.L. Moreno)

 

Ven 26 Febbraio 2021, 19:00 - 21:00
Relatore
Luigi
Dotti
Durata Modulo
2 ore
11
Modulo
Francesca Maria SALERNO | Mindfulness. Teoria, Pratica, Esperienza

Scegliere attivamente la pienezza d’essere in questo momento.

Da questo profondo insegnamento che profuma d’oriente, ha origine quella che oggi chiamiamo Mindfulness: la capacità di poter assumere un punto di focus specifico, essere in grado di espandere la propria consapevolezza senza reagire, e scegliere dunque attivamente il contenuto cognitivo favorendo quello evolutivo e sanatorio.

La mindfulness è maestria della propria attenzione e capacità di scegliere intenzionalmente dove dirigerla. Tale maestria è raggiunta dallo “sforzo”  volontario di praticare, quotidianamente.

Nell’intervento, esploreremo il come e comprenderemo il suo valore in ambito terapeutico, in quello che possiamo definire mindfulness-based-therapy.

Il momento presente è dove il corpo abita e per questo è un ancoraggio solido per la scoperta del Sé. Qui ed ora con le sue sensazioni, emozioni e pensieri che si influenzano reciprocamente il corpo è immerso, ed è qui ed ora che con una fluida attenzione direzionata, è possibile ricalibrare la risposta all’esterno e regolare la reazione endocrina del sistema simpatico e parasimpatico intervenendo sui meccanismi di difesa.

Sperimenteremo le pratiche fondamentali e attiveremo la capacità di diventare testimoni imparziali dell’esperienza sensoriale, aprendoci alla possibilità di ritrovare autonomia, maggiore fluidità, e guidare l’altro verso lo stesso obiettivo terapeutico e umano.

Sab 27 Febbraio 2021, 9:00 - 11:00
Relatore
Francesca Maria
Salerno
Durata Modulo
2 Ore
12
Modulo
Giuseppe CRAPARO | Psiche incarnata: mente-cervello e relazione clinica

Partendo dalle scoperte delle neuroscienze cognitive, l’autore approfondirà il modo in cui entrano in gioco, nelle dinamiche relazionali fra clinico e paziente, le interazioni mente-corpo-psiche.

Verranno inoltre precisate le caratteristiche del corpo biologico (organismo), del corpo affettivo (soma) e del corpo simbolico (corpo) e il loro ruolo nel lavoro psicoterapeutico.

Sab 27 Febbraio 2021, 11:00 - 13:00
Relatore
Giuseppe
Craparo
Durata Modulo
2 Ore
13
Modulo
Deb DANA | Il circuito di sicurezza del corpo: un approccio polivagale alla Connessione

Il sistema nervoso autonomo è al centro della nostra vita quotidiana e modella potentemente le esperienze di sicurezza e influenza la capacità di connessione.  La Teoria Polivagale, attraverso i principi organizzativi di gerarchia, neurocezione e co-regolazione, ha rivoluzionato la nostra comprensione di come funziona questo sistema.

Ora sappiamo che il trauma interrompe lo sviluppo della regolazione autonoma e modella il sistema lontano dalla connessione in schemi di protezione. Per molti pazienti gli stati di attacco, fuga e collasso sono frequenti, intensi e prolungati mentre lo stato di sicurezza e connessione è elusivo.  

Senza intervento, le risposte adattive di sopravvivenza diventano modelli autonomici abituali e i percorsi di connessione vengono sostituiti da modelli di protezione.  La Teoria Polivagale fornisce una guida ai circuiti autonomici che sottendono comportamenti, credenze e una "tabella di marcia" per rispondere alla domanda essenziale: "Di cosa ha bisogno il sistema nervoso in questo momento per trovare sicurezza nella connessione?".

In questa presentazione verrà presentato il linguaggio del sistema nervoso e si esploreranno alcuni modi per aiutare i pazienti a creare la storia autonoma di sicurezza e connessione necessaria per un trattamento di successo. 

Sab 27 Febbraio 2021, 14:00 - 17:00
Relatore
Deb
Dana
Durata Modulo
3 Ore

ISCRIZIONI
Registrati al Corso On Demand per 186,00 €

10 crediti ECM per medicieducatoripsicologi
Materiale didattico:
slidesvideo

Iscrivendoti al corso potrai:

- usufruire di una formazione di 27 ore sul tema del Corpo in Psicoterapia 

- visualizzare le registrazioni di tutti i seminari, disponibili per 12 mesi sulla tua area privata, e scaricare i materiali messi a disposizione dai docenti

- ottenere 10 ECM

La scadenza per ottenere gli ECM relativi a questo corso è il 03/03/2022.
Ti ricordiamo dunque di inserire tutti i tuoi dati corretti sul tuo profilo e di compilare il questionario.
Per accedere, clicca sul tuo nome in alto a destra e vai su

  • Modifica Profilo per inserire i tuoi dati corretti, necessari per ottenere i crediti
  • I miei corsi --> Vai al corso --> scorri fino al tasto Accedi al test ECM

Hai 5 tentativi a disposizione e dopo averlo superato ti arriverà l'attestato direttamente via mail.
Per qualsiasi chiarimento o difficoltà, scrivi ad assistenza@psicologia.io